firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Lungo post su Facebook

Nardella: “Salvini decide chi è un bravo sindaco? Trovi la dignità per chiedere scusa”

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Attacco del Sindaco di Firenze Dario Nardella al Ministro dell'Interno Matteo Salvini che replica alle dichiarazioni del leader leghista in merito ai sindaci e governatori italiani che andrebbero premiati o puniti economicamente, riguardo agli stipendi, in base alla loro azione amministrativa e politica.

Ma il primo cittadino di Firenze ricorda al Ministro di quando un tempo istigava i sindaci a non applicare le leggi, mentre oggi attacca quelli dissidenti riguardo al DL Sicurezza.

Di seguito il lungo post pubblicato sulla propria pagina Facebook dal Sindaco Nardella con allegata la foto della fascia tricolore indossata da sindaci e assessori:

 

 

«Nel diluvio di dichiarazioni del ministro dell’Interno Salvini me ne sono persa una di ieri alla radio: "Ridurre sprechi e privilegi è una priorità. Ci sono alcuni sindaci di grandi città che prendono 4-5mila euro al mese - dice Salvini - Bisogna premiare sindaci bravi e governatori bravi e magari punire quelli che non lo sono". Confesso che prima di questo ennesimo attacco ai sindaci ero pronto a non meravigliarmi più di nulla di Salvini. Non è così. Il ministro è andato oltre ogni mia immaginazione, nel suo linguaggio sprezzante intriso di odio e sarcasmo.
Decide lui chi sono i sindaci bravi e non bravi, in un delirio di onnipotenza, sputando su quell’idea di democrazia che ha portato milioni di italiani a scegliere il proprio sindaco.
Poi pretende di stabilire le punizioni per chi a suo giudizio non lavora bene. Caro Salvini, mi sarebbe fin troppo facile ricordare il suo lauto stipendio da europarlamentare - 4 volte più di uno di quei sindaci che sbeffeggia - o quello attuale da ministro, di 110.000 euro.
E potrei chiedermi se il Salvini che parla di sprechi sia lo stesso che tace meschinamente sui 49 milioni di euro illecitamente sottratti dalla Lega. Un fatto che se fosse capitato a qualunque dei suoi avversari l’avrebbe indotta a gridare allo scandalo.
Ma non voglio abbassare ulteriormente il già misero livello di polemica al quale sta sottoponendo il nostro Paese, stanco di questo vostro bullismo istituzionale e di questo circo degli insulti.
Piuttosto mi chiedo: con quale faccia lei - che due anni fa istigava i sindaci a non applicare le leggi - ora li chiama “traditori” e “incapaci”? Con che coraggio intima loro punizioni e ispezioni? Lei che non sa cosa significhi fare il sindaco perché non lo ha mai fatto e forse non ha il coraggio di farlo. Lei che non sa cosa significhi rischiare ogni giorno civilmente e penalmente per un qualunque atto, commesso magari per aiutare un cittadino in difficoltà, visto che ha sempre beneficiato a Bruxelles e a Roma delle immunità. Lei che non sa cosa voglia dire essere il primo a entrare nel proprio municipio e l’ultimo a uscirne, spesso dopo 14 ore di lavoro o passare le giornate in strada a vivere ansie, paure e speranze dei propri cittadini. Lei che non ha mai provato cosa significhi indossare la fascia tricolore.
Si “abbassi”, caro ministro, al livello dei sindaci italiani, che sono la parte sana della democrazia, l’antidoto credibile di una politica misera che ha perso ogni credibilità. Lo faccia. E poi trovi un barlume di dignità personale nel profondo della sua coscienza per chiedere scusa a 8000 sindaci italiani e a chi li ha votati. Se non lo vuole fare per noi, almeno lo faccia per la dignità della Repubblica che lei dovrebbe rappresentare. E già che si trova, si tagli lo stipendio fino a quello di un sindaco di una grande città italiana risparmiandoci troppi proclami».

 

Manda i tuoi comunicati stampa a: redazionefirenze@ilsitodifirenze.it