firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Arti fiorentine

Stefano Ricci finanzia restauro di 12 volumi dell'Archivio di Stato

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

La maison fiorentina Stefano Ricci consolida ancor di piu' il rapporto con Firenze avviando una collaborazione con l'Archivio di Stato che prevede il restauro e la digitalizzazione di 12 volumi. Dei 75 km di materiale documentario custodito nell'Archivio, la scelta e' caduta su alcuni volumi prodotti dalle Arti fiorentine, in particolare dalle Arti del tessile: sette testi legati all'Arte della Lana, tre all'Arte della Seta e due all'Arte dei Linaioli e Rigattieri, risalenti al periodo che va dal XIV al XVIII secolo. Si tratta di antichi volumi che contengono matricole con i nomi degli iscritti alle Arti, inventari di beni, registri contabili. I testi, legati in cuoio o legno, presentano notevoli danni legati all'usura e al degrado dei materiali, ma verranno ripristinati in un tempo che va da 6 mesi a un anno. ''E' la prima volta che firmo un accordo di questo tipo - commenta Carla Zarrilli, direttore dell'Archivio - Purtroppo per colpa della crisi sono tre anni che non riceviamo contributi per il restauro, percio' e' importante trovare altre fonti di finanziamento. Oggi poniamo una prima pietra. A Firenze e in Italia ci sono tante case di moda, allora perche' non investire anche sugli archivi mettendosi su questa bella strada aperta da Stefano Ricci?''. In effetti l'Archivio,fondato nel 1852 per volonta' del granduca Leopoldo II su impulso di Francesco Bonaini, vanta la sala di studio piu' frequentata d'Italia (18.000 presenze l'anno). Anche se ancora il processo di digitalizzazione ha coinvolto solo pochi testi, l'Archivio sta predisponendo un progetto di banca dati online relativa alle carte dell'architetto Giuseppe Poggi nell'ambito delle celebrazioni per i 150 anni di Firenze Capitale (1865-2015).

Manda i tuoi comunicati stampa a: redazionefirenze@ilsitodifirenze.it