firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
È sostenuto da ECRF

"Siamosolidali.it": nasce un portale del welfare della Toscana

Un sito per chiedere aiuto ed offrire il proprio tempo
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Le associazioni che operano nel terzo settore in Toscana, grazie al sostegno dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, lanciano un portale che è allo stesso tempo strumento di dialogo tra loro, una ‘piazza’ a cui può affacciarsi chi desidera offrire il proprio tempo ma anche per chiedere aiuto, una occasione per lanciare campagne di raccolta fondi (fundraising). E’ tutto questo e molto altro ancora www.siamosolidali.it (Per informazioni 055 5384909), una piattaforma che è nata proprio su proposta del variegato mondo dell’associazionismo (in Toscana è rappresentato da quasi 24 mila organizzazioni che coinvolgono oltre 438.000 volontari) che, da oltre 20 anni, beneficia del sostegno dell’Ente Cassa. Solo nel periodo 2011-2014 la Fondazione ha erogato oltre 26 milioni di euro in favore di oltre 700 progetti a conferma che il settore continua ad essere una delle priorità, come ha dichiarato nei giorni scorsi il presidente Umberto Tombari.

 

‘’Non siamo i primi né saremo gli ultimi – ha dichiarato il Direttore generale dell’ Ente Cassa Renato Gordini incontrando ieri i giornalisti e alcuni operatori del settore – a realizzare un portale del welfare, ma certamente ci riteniamo ‘sensori’ molto attenti alle dinamiche di questo mondo del quale crediamo di conoscere bene le esigenze, le urgenze, le molteplici sfaccettature’’.

 

‘’Abbiamo così fatto nostro – hanno spiegato i coordinatori del progetto Chiara Mannoni ed Edoardo Ristori – il suggerimento di un socio dell’Ente Cassa, Marco Martelli Calvelli, presidente dell’associazione Sipario, poi condiviso da altre realtà. Abbiamo approfondito l’idea e condotto in porto l’operazione che è stata sviluppata e gestita in collaborazione con lo staff della Fondazione TEMA (Tecnologie per i beni culturali e l’artigianato), anch’essa emanazione dell’Ente Cassa, che ne ha curato la progettazione e la realizzazione tecnica’’.

 

Molteplici le finalità di siamosolidali.it. Grazie ad una ricca base dati, raccolta in sinergia con le espressioni del Terzo settore, il sito intende in un primo momento coinvolgere attivamente tutte le realtà che beneficiano dei contributi dell’Ente Cassa così da fare rete tra loro ottimizzando gli sforzi e le risorse. Successivamente saranno interessate indistintamente tutte le associazioni che operano in Toscana. Vuole inoltre offrire la possibilità a coloro che lo desiderano, di destinare tempo ed energie a questa o quella associazione e dare una risposta immediata a chi cerca di orientarsi fra i servizi per trovare la migliore assistenza ad un particolare bisogno. Le persone che vivono la solidarietà come sentimento sociale possono sostenere anche economicamente sia le associazioni che direttamente le iniziative che esse svolgono con donazioni, offrirsi come volontari e coinvolgere altre persone raccontando le esperienze vissute.

 

Questo spazio è prezioso anche per ‘arruolare’ nuovi volontari sul territorio in quanto il sito ospita una community basata sul modello social che favorisce questo tipo di dialogo. La piattaforma contiene inoltre un forum, un blog e offre la possibilità di accedere ai canali social dedicati al progetto.

 

Ma la nascita del portale è solo il primo passo di un progetto più ampio che, nelle intenzioni dei promotori (assieme all’Ente Cassa hanno collaborato in questa fase iniziale una trentina di associazioni che hanno stabili rapporti con la Fondazione di origine bancaria), prevede importanti momenti successivi. Saranno così offerti un servizio di assistenza tecnico-legale e una consulenza sulla raccolta fondi e saranno promossi incontri formativi sulle opportunità di finanziamento sia locale che comunitario e sulle attività per i giovani e le scuole così da sensibilizzare questi ultimi soggetti sul mondo del sociale e raccogliere le loro idee ed eventuali suggerimenti.

 

‘’Anche in questo caso – ha concluso Gordini – l’Ente Cassa ha sostenuto la fase di avvio del progetto, contribuendo con risorse economiche e professionali. Una volta a regime ci auguriamo che il portale possa essere gestito direttamente dalle associazioni, senza comunque far mancare un nostro sostegno. L’aspetto più rilevante è il tentativo di ottimizzare la risposta ad un bisogno in maniera strategica e non più frammentaria e proporre un forte cambio di mentalità stimolando una creatività comune per rispondere ad una richiesta di aiuto che si fa sempre più drammatica e urgente. Nella  piattaforma quindi realtà similari si incontrano e si confrontano per dare vita, come perle di una collana, a progettualità più complesse. Siamosolidali.it vuole essere il filo che le tiene unite”.

 

Alcune delle associazioni presenti all’incontro hanno ringraziato l’Ente Cassa per il progetto innovativo che, in questo momento nel quale le risorse si stanno assottigliando, favorisce l’aggregazione di organizzazioni non sempre abituate a lavorare assieme. ‘‘Questa ‘piazza’ virtuale – è stato detto – è una sfida che spinge ciascun organismo ad affacciarsi ad essa presentando gli aspetti migliori della propria storia e della propria attività. Nel nuovo contesto, sollecita il ripensamento di alcune strategie operative”.

 

 

Manda i tuoi comunicati stampa a: redazionefirenze@ilsitodifirenze.it