firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Libri

Il Sindaco Renzi presenta "Togliamo il disturbo" di Paola Mastrocola

Il primo cittadino: “Si occupa della cosa più importante di una società e di una comunità, la scuola”
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Un libro “che fa pensare”, con “una forte valenza politica” perché “si occupa della cosa più importante di una società e di una comunità, la scuola”. Così Matteo Renzi ha definito “Togliamo il disturbo – Saggio sulla libertà di non studiare”, l’ultimo libro di Paola Mastrocola, professoressa torinese classe 1956 che si è fatta conoscere per il suo pensiero acuto e non convenzionale sul mondo della scuola. “Il libro – ha spiegato Renzi, che ha presentato il volume insieme all’autrice e al capocronista de La Nazione Luigi Caroppo nella Sala degli Elementi di Palazzo Vecchio – non solo offre una godibile e ironica istantanea sui ragazzi di oggi, dalla cura o incuria del look ai pregi e difetti del correttore automatico di word, ma mette in discussione anche modelli come don Milani o Gianni Rodari, e infine ci invita a pensare a come vorremmo la scuola del futuro, a ragionare se la impostiamo sui sogni dei ragazzi o piuttosto sulle paure del nostro tempo”. “Questo libro – ha spiegato l’autrice – è una battaglia, perché la cultura non abbandoni la nostra vita e prima di ogni altro luogo la nostra scuola, rendendo il futuro di tutti noi un deserto. È anche un atto di accusa alla mia generazione, che ha compiuto alcune scelte disastrose e non manifesta oggi il minimo pentimento. Infine, è la mia personale preghiera ai giovani, perché scelgano loro, in prima persona, la vita che vorranno, ignorando ogni pressione, sociale e soprattutto famigliare. E perché, in un mondo che li vezzeggia, li compatisce, e ne alimenta ogni giorno il vittimismo, essi con un gesto coraggioso e rivoluzionario si riprendano la libertà di scegliere se studiare o no, sovvertendo tutti gli insopportabili luoghi comuni che da almeno quarant’anni ci governano e ci opprimono”.

Manda i tuoi comunicati stampa a: redazionefirenze@ilsitodifirenze.it