firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
il caso

Inchiesta stupro, i carabinieri 'scomparsi' per un'ora. E in città indagano i servizi segreti americani

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Un 'buco' di un'ora dopo i fatti di quella notte. E' questo uno dei punti su cui la Procura militare di Roma vuole rapide spiegazioni dai due carabinieri indagati per violenza sessuale, l'appuntato cinquantenne Marco Camuffo ed il trentenne, carabiniere scelto, Pietro Costa, entrambi in servizio al nucleo radiomobile di Firenze.

 

Il rapporto è stato ammesso da entrambi i militari davanti al pm, che però si sono difesi, alla presenza dei loro legali. "Le ragazze erano consenzienti". Inoltre hanno detto di non essersi accorti del fatto che le studentesse fossero sotto l'effetto di alcol, come emerso dalle prime analisi effettuate e dalle prime spiegazioni secondo cui erano state riaccompagnate a casa proprio perchè ubriache. 

 

Ma quello che è accaduto dopo Borgo Santi Apostoli, resta un mistero come il silenzio della pattuglia che non ha comunicato niente sui propri spostamenti, sia radio, sia sulla relazione di servizio. Non emerge niente su quella notte, se non un posto di blocco alle 4 e al termine del servizio, verso le 6, come scrive nella sua ricostruzione Fiorella Sarzanini sul Corriere della Sera.

 

Quindi dalle 3.13 ora in cui vengono ripresi dalle telecamere fino alle 4, che farebbero un posto di blocco, i due carabinieri cosa fanno? Cosa è successo dopo il rapporto sessuale in Borgo Santi Apostoli?

 

L'ultimo contatto con la centrale sarebbe avvenuto, via radio, circa 20 minuti prima di entrare nel palazzo delle studentesse, "scendiamo a fare un controllo" avrebbero fatto sapere nell'ultima comunicazione. Quel controllo che oggi, però, è diventato uno stupro nel fascicolo d'inchiesta della Procura di Firenze.

 

E dopo? Dove sono andati? Cosa hanno fatto? Presi dal panico, hanno chiesto aiuto a qualche collega? Hanno cambiato le divise (che al momento non risultano oggetto di analisi, ndr)? C'è un'ora di silenzio. Perchè? Questo è ciò che vuole capire chi indaga. Sapere se qualcuno, nell'immediatezza, ha saputo dei fatti di quella notte e come si è comportato successivamente. 

 

Occorre sapere tutto. Perchè c'è un video nel cellulare di una studentessa in discoteca e si vede la banda rossa della divisa dei carabiniere? Si sono incontrati dentro al Flo?  Ed inoltre, che facevano gli altri colleghi mentre i due caricavano sulla gazzella le studentesse fuori dal locale? Erano andati via? E perchè Camuffo e Costa allora erano rimasti lì? Domande senza risposta, per il momento.

 

Perché se il pm Ornella Galeotti, titolare del fascicolo, attende gli esiti dei responsi degli esami scientifici sulle tracce biologiche ritrovate nell'androne del palazzo e sui vestiti delle due ragazze, anche se al vaglio degli inquirenti ci sarebbero i tabulati telefonici degli indagati per capirne gli spostamenti, dalla Procura militare di Roma vogliono spiegazioni su quello che è accaduto e che ha portato a violare così tante regole a due carabinieri. Si va dalla mancata consegna al peculato. 

 

C'è la necessità di capire il motivo di tutta quella sicurezza nei movimenti con cui sembra abbiano agito i due militari la notte scorsa. Troppa fiducia reciproca, per essere la seconda uscita in pattuglia insieme, tra due militari con 20 anni di differenza, sia d'eta e che d'esperienza alle spalle. Perchè mettersi così scioccamente nei guai? Dubbi, che fanno ipotizzare una prassi comune, oltre le regole, nel gestire i propri spostamenti in servizio. Ipotesi gravissime, sulle quali però c'è chi indaga davvero. 

 

Inoltre, come scrive Christian Campigli su La Verità, fin dalle prime ore dopo i fatti, sarebbero intervenuti i servizi segreti americani. "Due uomini alti, in giacca e cravatta nera" che si sono presentati all'ospedale di Torregalli, mentre le due studentesse stavano arrivando, con due agenti, al pronto soccorso per i primi test, e che le hanno prese in consegna, insieme a due poliziotti, per tornare a Santa Maria Nuova e poi a Careggi. In un tour inspiegabile tra ospedali, per esami fondamentali ad avere l'unica risposta certa di questa triste e grave vicenda. 

Manda i tuoi comunicati stampa a: redazionefirenze@ilsitodifirenze.it