firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Ieri

Centenario nascita Nelson Mandela. La nipote Ndileka in Consiglio comunale

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

La prima nipote di Nelson Mandela, Ndileka Mandela, è a Firenze, su invito della Commissione cultura e sport, per l'inaugurazione del Mandela Memorial (la riproduzione in vetro della cella del carcere di Robben Island dove Nelson Mandela fu rinchiuso per 28 anni) che sarà svelato domani, mercoledì 14 febbraio alle ore 15, all’ingresso del Mandela Forum.

Ieri, appena arrivata, la nipote di “Madiba” è intervenuta in Consiglio comunale.

“In virtù del fatto che mio nonno, nel 1985, ha avuto l'onore di ricevere la cittadinanza onoraria di Firenze – ha detto in Palazzo Vecchio Ndikela Mandela – anch'io, in quanto prima nipote, mi considero un pochino fiorentina. Quest'anno ricorre il centenario della nascita di Nelson Mandela e sono onorata che la città di Firenze abbia deciso di inaugurare questa riproduzione della cella dove mio nonno trascorse 28 anni della sua vita. Nonostante il regime dell'apartheid abbia cercato di schiacciarlo in una cella, lui ne è uscito vincitore. Mio nonno ha sempre avuto un atteggiamento conciliatore nei confronti di coloro che lo avevano torturato – ha raccontato ancora Ndileka Mandela – perché scelse di non odiare. Lui diceva che se avesse odiato sarebbe stato, in un certo senso, come essere ancora in carcere. Sono particolarmente lieta anche del fatto che questa cella potrà essere vista da tanti giovani”.

 

Manda i tuoi comunicati stampa a: redazionefirenze@ilsitodifirenze.it