Firenze uomo scala gru per protesta: ecco cosa è accaduto

Firenze uomo scala gru per protesta. In una città molto attiva e popolata come Firenze i colpi di scena non mancano sicuramente mai. Ogni giorno accadano fatti di cronaca caratterizzati da eventi imprevisti, talvolta cose che non ci aspetteremmo mai. Ed è proprio così anche per quel che pare sia successo questa mattina nel quartiere Novoli. Ecco qualche dettaglio in più sulla vicenda:

Firenze è un città caratterizzata da più quartieri diversi ma concomitanti, uno tra questi è proprio Novoli, che è localizzato a nord-ovest del capoluogo toscano. Quest’ultimo pare che proprio questa mattina di venerdì 3 maggio 2024, sia stato protagonista di un evento insolito. Vediamo meglio insieme cosa è successo questa mattina a Novoli:

Firenze uomo scala gru

Firenze uomo scala gru per protesta: ecco qualche dettaglio in più sulla vicenda

Come detto in precedenza, Novoli è un quartiere posizionato nella zona nord-ovest di Firenze. Il quartiere ha ricevuto un forte boom edilizio a partire dal ventesimo secolo, in particolare durante gli anni 50 e 60 del tempo. Novoli è il luogo ospitante di diverse chiese e poli universitari, ma anche del Palazzo di Giustizia. Detto anche Palagiustizia, l’edificio è posizionato in Via Guidoni e risale agli anni ottanta del XX secolo. Progettato dall’architetto Leonardo Ricci, il Palazzo di Giustizia pare che proprio questa mattina di venerdì 3 maggio 2024, sia stato protagonista di un’insolita vicenda. Ecco qualche informazioni in più su ciò che è accaduto:

Stando alle prime ricostruzioni della vicenda, pare che un uomo si sia arrampicato su una gru impiegata in un cantiere localizzato vicino al Palazzo di Giustizia della città fiorentina. L’uomo in questione pare essere un cittadino di nazionalità italiana, il cui nome è Leonardo Moretti. L’uomo, di circa 72 anni, sembra che abbia quindi scalato la gru questa mattina del 3 maggio 2024 intorno alle ore 9.

A quanto pare, il gesto dell’uomo, dovrebbe esser stato motivato da una vicenda giudiziaria iniziata tempo addietro. Il signor Moretti, da quel che è rinvenuto, pare essere un torinese trapiantato in Umbria. Questa mattina si sarebbe avvalso dell’uso di un megafono ed avrebbe iniziato a gridare delle frasi incerte contro il tribunale. Il tutto pare sia avvenuto senza che l’uomo si sia esposto troppo, infatti non dovrebbero esserci stati riferimenti dettagliati sul motivo per il quale ha deciso di compiere tale gesto.

In via Guidoni, sembra che sia stato tempestivo l’intervento di polizia, vigili del fuoco ed operatori del 118. È stato anche predisposto un materasso di grandi dimensioni per prevenire rischio di eventuali cadute dell’uomo dalla gru. Inoltre, è da premettere che già anni fa, Moretti aveva posizionato una tenda sul fronte del Tribunale di Perugia con lo scopo di protestare contro uno sfratto subito.

POTREBBE INTERESSARTI