Alluvione in Toscana: la manifestazione “Mai più 2 novembre 2023”

L’alluvione in Toscana dello scorso 2 novembre 2024 ha scosso tutti per via dei danni che ha provocato. Sono passati alcuni mesi, e la popolazione è ancora molto preoccupata perché alcuni ritengono che ancora non sia stato fatto abbastanza per mettere tutto in sicurezza. Vediamo qui la manifestazione con lo slogan “Mai più 2 novembre 2023” dove si è diretta.

Oggi, sabato 25 maggio 2024, a Firenze si è tenuta una importante manifestazione per l’ alluvione che ha colpito la regione Toscana lo scorso mese di novembre 2023. La manifestazione è stata aperta con uno striscione con uno slogan ad effetto “Mai più 2 novembre 2023”.

Alluvione in Toscana

Alluvione in Toscana: la manifestazione degli alluvionati

Nella giornata di oggi, sabato 25 maggio 2024, circa un mezzo migliaia di alluvionati del 2 novembre 2023 è sceso in piazza per una manifestazione. La manifestazione è partita da Sesto Fiorentino e deve arrivare alla sede della Regione Toscana sita in Firenze. Gli alluvionati vogliono chiedere che sia messa messa in sicurezza tutta l’ area dal rischio idrogeologico del territorio. Inoltre si richiede che vengano stanziati i contributi per la ricostruzione del danni subiti dalle alluvioni che hanno maggiormente colpito le aree della Piana di Firenze ed in particolare dei Campi Bisenzio.

I manifestanti tra le varie richieste hanno anche quella del blocco della cementificazione della Piana. Le persone colpite dall’ alluvione sono molte ed i danni che si sono contati sono ingenti. Alcuni dei referenti della manifestazione hanno dichiarato “la protesta pacifica e apartitica chiede la sicurezza a monte e a valle del territorio, nel suo bacino idrico e orografico. Si chiede inoltre di avere i contributi necessari per ricostruire le case e le aziende”.

“I fondi della Regione stanno arrivando, ma ancora il 30% delle famiglie non ha ricevuto nulla a causa di una burocrazia troppo complessa. Il Governo deve nominare un commissario per la ricostruzione, affinché il nostro territorio venga messo in sicurezza idraulica“. Anche queste sono le richieste dei manifestanti.

Campi Bisenzio è stato il territorio più colpito dall’alluvione del novembre 2023. “Solo a Campi Bisenzio i danni ammontano a oltre 300 milioni di euro. Ci sono ancora famiglie senza casa, che non hanno ricevuto alcun aiuto e come enti locali non siamo stati risarciti”. Queste sono le parole del sindaco di Campi di Bisenzio che ha chiesto poi al governo di intervenire prontamente per dare i contribuiti alle famiglie e per il territorio.

POTREBBE INTERESSARTI