Come coltivare i pomodori: ecco tutti i trucchi ed i segreti

Come coltivare i pomodori, che in questo periodo iniziano ad essere buonissimi. Il pomodoro è una pianta che ha avuto origine in Perù e fu coltivata in Messico prima dai Maya e successivamente dagli Aztechi. Negli ultimi due secoli, è diventata una delle colture orticole più rilevanti, con la selezione di numerose varietà adatte a diversi climi e terreni. È un ortaggio essenziale in ogni orto domestico, quindi ecco alcuni suggerimenti su come coltivare i pomodori.

Come sempre, promuoviamo la coltivazione biologica, evitando l’uso di insetticidi chimici sintetici e preferendo metodi naturali di difesa. L’obiettivo è ottenere ortaggi sani e sostenibili. Di seguito, vedremo come raggiungere questo scopo.

come coltivare i pomodori

Come coltivare i pomodori: passo passo come ottenere dei frutti eccezionali

Dal pomodoro ciliegino al cuore di bue, dal tradizionale pomodoro da salsa ai sorprendenti pomodori neri, stiamo parlando di un ortaggio che non annoia mai. Le sue numerose varietà e i molteplici usi in cucina lo rendono sempre interessante e versatile. Vediamo qui come coltivare i pomodori.

Terreno. Per coltivare pomodori al meglio, il terreno dovrebbe avere un pH di 6, essere ben aerato e drenante, e privo di ristagni d’acqua che potrebbero causare malattie. Inoltre, per un raccolto abbondante, il suolo deve essere ricco di nutrienti e materia organica, poiché i pomodori sono un ortaggio piuttosto esigente in termini di alimentazione.

Clima. Nonostante siano state sviluppate varietà di pomodoro piuttosto resistenti al freddo, questa pianta soffre ancora il gelo e necessita di una buona esposizione solare. È possibile coltivare pomodori praticamente ovunque in Italia, purché si disponga di un terreno ben esposto al sole. La pianta teme anche l’eccessiva aridità, che può essere mitigata con pacciamatura e adeguate irrigazioni.

Fondamentale nella coltivazione dei pomodori è la creazione dei supporti. Per evitare che la pianta di pomodoro si reclini o, peggio, si rompa sotto il peso dei frutti, è fondamentale predisporre dei sostegni. Esistono diverse soluzioni e, visitando vari orti, possiamo trovare molte strutture fai-da-te diverse. Per le varietà a crescita determinata, è sufficiente un semplice palo verticale conficcato nel terreno, ma spesso è preferibile costruire supporti più complessi.

L’importante è assicurare che la pianta rimanga eretta e ben esposta al sole in tutte le sue parti. Oltre a creare i tutori, bisogna ricordarsi di legare il fusto del pomodoro man mano che cresce.

POTREBBE INTERESSARTI