firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
Warning: Creating default object from empty value in taxonomy_term_page() (line 33 of /var/www/pressflow/modules/taxonomy/taxonomy.pages.inc).

carabinieri

Warning: Creating default object from empty value in taxonomy_term_page() (line 33 of /var/www/pressflow/modules/taxonomy/taxonomy.pages.inc).

Le bustine ostacolavano lo scolo dell'acqua

Nasconde hashish nella grondaia. Arrestato 20enne.

Immagine articolo - Il sito d'Italia

I carabinieri di Barberino di Mugello, hanno arrestato un giovane italiano del posto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. È stato il cattivo funzionamento di una conduttura di cemento adibita a scolo di acqua piovana di un immobile di via Garibaldi ad attirare l'attenzione di alcuni condomini, che hanno constatato che all'interno vi erano degli involucri di plastica che ostruivano lo scolo delle acque. La sorpresa è stata quando si sono accorti che all'interno degli involucri vi era dell'hashish.

Duro colpo ai Casalesi

Camorra, sequestrati beni per 15 milioni al clan Bidognetti

Immagine articolo - Il sito d'Italia

Duro colpo al clan camorristico dei Casalesi. I carabinieri del comando provinciale di Caserta, di concerto con il nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza, hanno fatto scattare un blitz contro Carmine Diana, 56 anni, ritenuto dagli investigatori contiguo al potente clan del gruppo Bidognetti. L'operazione ha fruttato un sequestro di beni per 15 milioni di euro.

Potrebbe trattarsi di antrace

Busta anonima con polvere sospetta all'Archivio di Stato di Roma

Immagine articolo - Il sito d'Italia

Una busta sospetta è stata recapitata all'archivio di Stato di corso Rinascimento, a Roma. All'interno era contenuta della polvere, probabilmente antrace. Quattro dipendenti che sono entrati in contatto con la sostanza sono stati portati all'ospedale Spallanzani per accertamenti.
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri della compagnia Roma centro, che al momento non escludono alcuna pista.

Dopo la dura contestazione davanti all'Hotel Villa Medici di stanotte, Polizia e Carabinieri controllano lo stadio

Fiorentina: le forze dell'ordine presidiano stadio e campini

Immagine articolo - italia domani

Stamani il pullman della Fiorentina è arrivato allo stadio Artemio Franchi per l'allenamento in vista della partita, di mercoledì sera, contro il Genoa. Data la pesante contestazione che ieri notte ha accolto la squadra nel ritiro a cinque stelle dell'Hotel Villa Medici, attorno allo stadio erano presenti un furgone della Polizia e davanti all'ingresso dei "campini" due auto dei Carabinieri. A causa della pioggia battente, si presume che nessuno abbia intenzione di recarsi in viale Fanti per dar vita ad una nuova contestazione. Sicuramente la "febbre" sta salendo in città e la sfida di mercoledì sarà l'ultima prova d'appello.

Tragedia familiare a Salerno

Uccide l'ex moglie e tenta il suicidio

Immagine articolo - italia domani

Non si rassegnava alla separazione dalla moglie e stamani ha estratto la pistola e l'ha uccisa con alcuni colpi d'arma da fuoco. Poi si e' puntato la pistola alla testa ed ha premuto il grilletto.
E' accaduto questa mattina alle 8 a Salerno, nel quartiere di Mercatello, in uno stabile nei pressi di un Mc Donald's. La vittima e' una donna di 46 anni, Elettra Rosso, collaboratrice di un noto avvocato salernitano.

PROVANO A VINCERE FACILE SVALIGIANDO VIDEOPOKER MA FINISCONO IN MANETTE

Immagine articolo - italia domani

Avevano deciso di vincere facile al videopoker svaligiandolo, ma il colpo è andato male a tre giovani albanesi, tutti disoccupati e con precedenti penali. Avevano appena svuotato le casse dei videopoker posizionati nel bar 'Masò, in piazza della Libertà a Vinci e si stavano allontanando a bordo della loro auto quando sonostati intercettati dalle pattuglie della stazione carabinieri di Empoli e del Radiomobile. I tre hanno provato a darsi alla uga, ma dopo un breve inseguimento sono stati fermati.

5 anni, picchiato perchè non era abbastanza "bravo" a elemosinare

Immagine articolo - italia domani

Da più di un anno, ogni giorno, con la sua manina tesa chiedeva l'elemosina sulla scalinata dell'ospedale oftalmico, cercando di racimolare abbastanza per non far arrabbiare la mamma, che non ha mai esitato a colpirlo se non portava abbastanza soldi. Questa l'infanzia di un piccolo bimbo di neppure sei anni, salvato ieri mattina dai Carabinieri del Gruppo Provinciale di Torino, che hanno arrestato la madre di origine romena. Le forze dell'ordine, avvisate dalle segnalazioni dei passanti, sono intervenuti non appena la mamma ha iniziato a picchiare il bimbo.

PRESI I PIROMANI DI VIA LOCCHI: SONO DUE MINORENNI DI ORIGINE PERUVIANA

Immagine articolo - italia domani

Sono due minorenni di origine peruviana i presunti autori dei roghi dolosi che nella notte tra sabato e domenica hanno dato alle fiamme l'auto di una donna invalida parcheggiata in uno spazio per disabili e 12 in via Locchi. I due giovani, di 15 e 17 anni sono stati fermati dai carabinieri e accompagnati al Centro di prima accoglienza di Firenze. Gli incendi si erano sviluppati quasi in contemporanea alle 4.40, provocando anche danni alla facciata e ai balconi dei piani bassi di un palazzo e mandando in frantumi per il calore anche i vetri di alcune finestre.

PIROMANI IN AZIONE, IN FIAMME 12 MOTORINI E L'AUTO DI UN'INVALIDA

Immagine articolo - italia domani

Piromani in azione la scorsa notte. Due incendi, quasi in contemporanea, hanno distrutto l'auto di una donna invalida, parcheggiata in un posto riservato, e 12 motorini. Le fiamme hanno anche danneggiato facciata e balconi dei piani bassi di un palazzo. Il fatto è successo alle 4.40 in via Locchi. Secondo carabinieri e vigili del fuoco, ignoti hanno appiccato il fuoco ai motorini in sosta - otto davanti al civico 74; quattro davanti al civico 94 - e da qui il rogo si è poi esteso all'auto e a un edificio.

NOIA E LITI COL VICINO, ALBANESE CHIAMA IL 112 E CHIEDE DI TORNARE IN CARCERE

Immagine articolo - italia domani

La noia e i frequenti litigi con un vicino a causa dei rumori. Per questi motivi un albanese di 34 anni, agli arresti domiciliari in un'abitazione nella zona di Campo di Marte ha chiamato la scorsa notte il 112, 'implorando' i carabinieri di poter tornare a scontare la sua pena in carcere. Ai militari l'uomo ha spiegato di non voler più restare in quell'alloggio: in carcere, ha provato a spiegare, avrebbe avuto molte più cose da fare e non avrebbe più discusso con il dirimpettaio. I militari non hanno potuto dare seguito alla richiesta dell'uomo.

GESTORE DI UN CIRCOLO ARCI ARRESTATO PER SPACCIO

Immagine articolo - italia domani

Un fiorentino di 29 anni, domiciliato a Sesto, è finito in manette per spaccio di sostanze stupefacenti. L'uomo gestiva un circolo Arci di una frazione di Sesto Fiorentino, ma secondo i carabinieri aveva un'attività molto piu' redditizia.In una valigia, nascosta in una Porsche 911 parcheggiata nel suo garage, i militari della stazione di Grassina hanno rinvenuto circa 500 grammi di cocaina, oltre a quantita' piu' modiche di hashish e marijuana.

DISINNESCATO DAGLI ARTIFICIERI DEI CC PACCO BOMBA ALL'AMBASCIATA GRECA DI ROMA

Immagine articolo - italia domani

Il pacco bomba spedito la vigilia di Natale e fatto recapitare all'Ambasciata greca a Roma in via Gioacchino Rossini avrebbe la stessa firma degli attacchi alle altre rappresentanze diplomatiche colpite nella Capitale. L'ordigno, disinnescato dagli artificieri dei carabinieri, "ad una prima analisi - spiega il comandandante provinciale dei carabinieri di Roma il colonnello Maurizio Mezzavilla - sembrerebbe simile agli altri". Il pacco bomba all'ambasciata greca è stato disinnescato e "ora si sta procedendo ai rilievi e alla repertazione".

ROVEZZANO: ROGO IN SCANTINATO, CARABINIERI SALVANO DUE ANZIANE

Immagine articolo - italia domani

Tragedia sventata ieri in tarda serata a Rovezzano grazie all'intervento dei Carabinieri. Un incendio e' scoppiato nello scantinato di un palazzo a Firenze. I militari dell'Arma, allertati dagli inquilini, hanno messo in salvo due anziane, che abitano ai piani superiori: entrambe erano rimaste bloccate nei loro alloggi a causa del fumo che stava invadendo il vano scale. Ancora in corso di accertamento da parte dei vigili del fuoco le cause del rogo: le fiamme sono state domate prima che si propagassero ai piani del palazzo, composto da otto appartamenti.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]