firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
A settembre aprirà agli alunni

Nuova scuola Dino Compagni: didattica e centro civico per i cittadini – Video

La Vicesindaca Giachi: “Durante il mandato spesi oltre 100 milioni per manutenzioni e nuove edificazioni”
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Rinasce a Firenze nel quartiere di Campo di Marte la scuola secondaria di primo grado Dino Compagni. L'istituto, un prefabbricato di 40 anni contenente amianto, è stato demolito e ricostruito, ma oltre ad accogliere la didattica, grazie all'ampliamento, potrà aprire i suoi spazi anche ai cittadini. I lavori sono in fase di ultimazione e dal prossimo anno scolastico gli studenti delle 24 classi (672 alunni che avranno a disposizione 11 laboratori) potranno sedere sui banchi di un complesso funzionale e costruito secondo i precetti della sostenibilità ambientale. Un vero e proprio centro civico, con tanto di ingresso indipendente, che nel giardino vede un apposito percorso-vita per i cittadini.

 

“La Dino Compagni – ha spiegato la Vicesindaca ed Assessora all'Educazione Cristina Giachi del Comune di Firenze, durante il sopralluogo di stamani insieme al Sindaco Dario Nardella – è un investimento importante dell'Amministrazione, che addirittura è stato progettato nel mandato precedente, e si è potuto realizzare perché abbiamo trovato il luogo dove spostare 700 ragazzi della scuola mentre si costruiva la nuova (dal settembre 2015 gli studenti sono stati ospitati nella struttura allestita all'ex Istituito dei Ciechi di via Nicolodi, ndr). L'intervento è consistito nella completa demolizione e ricostruzione di una scuola molto più grande e molto più bella che è un vero centro civico per il quartiere. La caratteristica di questo progetto è essere una scuola aperta al territorio, quindi non solo spazio per la didattica, ma anche spazio per le attività pomeridiane, del territorio e del quartiere. L'investimento è consistito in 10 milioni di euro (oltre 11 i costi complessivi, ndr), per realizzare una meraviglia che sarà operativa, d'accordo con la scuola, da settembre”.

 

La struttura si sviluppa su una superficie di quasi 7.000 metri quadrati ed è stato edificato rispettando i massimi standard di efficienza energetica. Da qui l’attenzione all’orientamento solare degli ambienti, al controllo della luce solare, alla ventilazione trasversale, all’utilizzo delle forme alternative e di accumulo dell’energia: il tutto in funzione della prassi didattica. Ne sono esempio le scelte connesse con la disponibilità di una serra biodinamica, di una capannina meteorologica, di spazi didattici all’aperto, di una area verde ad alta biodiversità, di un percorso salute esterno, di un impianto fotovoltaico e di una vasca di accumulo delle acque meteoriche.

La nuova Dino Compagni non avrà solo aule classiche (progettate per il comfort acustico e visivo – sia con l'illuminazione naturale, sia artificiale a led a controllo domotico): ce ne saranno di speciali per le riunioni, per la pittura, per la musica, per lo studio della biologia, oltre ad un piccolo anfiteatro esterno e una palestra che potrà ospitare anche il pubblico. Per una didattica all'avanguardia, nei laboratori della scuola saranno allestite postazioni multimediali di tipo creativo (stampante 3D, dispositivo olografico 3D, scanner portatile 3D, scanner fisso 3D) ed immersivo (postazioni di movimento a 360°, sensori di rilevamento delle mani, visori ottici immersivi) oltre a uno schermo curvo gigante.

 

 

“L'impegno sul fronte dell'edilizia scolastica in questo mandato è stato importante – ha aggiunto la Vicesindaca facendo il punto dell'azione amministrativa del suo assessorato – sono stati oltre 100 i milioni spesi per le manutenzioni e per le nuove edificazioni. In eredità lasciamo con la fine del mandato la posa della prima pietra dell'ITIS Da Vinci (demolito il biennio che era una delle ultime strutture che conteneva amianto, ndr); la progettazione di tre nuove strutture di asilo nido, di cui la più avanzata è quella alla Manifattura Tabacchi (in zona piazza Puccini, ndr), una alle Cascine nel Piazzale del Re e un altro asilo nido all'Arcovata nella sede degli ex Macelli”.

 

Il settore degli asili nido, ha concluso Cristina Giachi “è il più importante sul quale fare nuovi investimenti, perché è necessario creare le strutture e predisporle per accogliere i numerosi bambini ancora presenti in lista d'attesa. Contiamo nel prossimo quinquennio, con le tre nuove strutture, di abbattere definitivamente la liste di attesa”.

 

"Oggi Firenze ha la scuola media più bella d'Italia - ha detto il Sindaco Nardella durante il sopralluogo di stamani - sia dal punto di vista dell'innovazione tecnologica che per quello degli spazi, ad esempio con una palestra che assomiglia ad un palazzetto dello sport. Strutture che sono pensate anche per un fruizione di tutto il quartiere e non solo, quindi, per le attività didattiche. La qualità di un servizio ai massimi livelli e un'ulteriore riqualificazione di un quartiere fuori del centro, Campo di Marte, che trarrà molti benefici da questo nuovo plesso. Questa scuola – ha sottolineato Nardella – è l'esempio di come noi concepiamo il governo di Firenze e dell'attenzione che noi riserviamo alle nuove generazioni e al mondo dell'educazione, che è alla base di qualunque progetto di comunità”.

 

 

Donato Mongatti.

 

 

Nel video de Il Sito di Firenze: l'intervista alla Vicesindaca ed Assessora all'Educazione Cristina Giachi e le immagini della nuova scuola Dino Compagni.

 

 

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]