firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Straordinarie misure di sicurezza

Serbia - Italia: sale l'attesa in una Belgrado blindata

Bloccato l'arrivo dei tifosi italiani in accordo tra le due federazioni
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Una Belgrado blindata e con il fiato sospeso attende Serbia-Italia in programma questa sera al Maracanà, un match definito da tutti ad alto rischio e che i serbi attendono da un anno per prendersi possibilmente la rivincita dello 0-3 a tavolino inflitto a Stankovic e compagni per la folle notte di Genova, e per fare un decisivo passo in avanti verso i playoff per l'Europeo.

Sotto speciale osservazione, insieme ai gruppi violenti della tifoseria serba, vi sono anche gli italiani, ai quali non verrà consentito l'ingresso allo stadio. Le due Federazioni infatti si sono accordate per bloccare l'arrivo di tifosi italiani, ai quali è stato quindi consigliato di non mettersi in viaggio per Belgrado. La Figc ha rinunciato all'acquisto di uno stock di biglietti riservato per la partita di oggi, limitandosi a comprare soli 130 tagliandi vip. Solo con quei biglietti si potrà entrare al Maracanà. Nonostante gli inviti delle autorità, sembra tuttavia che uno sparuto gruppo di tifosi ultrà italiani avrebbe deciso comunque di venire a Belgrado. «Noi abbiamo raccomandato ai tifosi italiani di non venire, ma abbiamo informazioni su un numero ristretto di tifosi intenzionati a venire comunque, ma che però non potranno entrare allo stadio», ha detto ai giornalisti Roberto Massucci, dirigente del Dipartimento di pubblica sicurezza del ministero dell'interno, responsabile dell'Ufficoo ordine pubblico (Cnims). Il generale di polizia Mladen Kuribak, capo dell'Ufficio speciale per l'ordine pubblico del ministero dell'interno e presente all'incontro con la stampa, ha detto da parte sua che una trentina di italiani hanno cercato di acquistare biglietti online, tagliandi che però sono stati subito ritirati. Il generale ha precisato che nella giornata odierna a tutti gli italiani che si presentano alla frontiera serba viene chiesto il motivo del loro ingresso in Serbia. Se la risposta è legata alla partita di Belgrado, viene chiesto loro di mostrare il biglietto, chi ne sarà in possesso passerà, chi ne sarà sprovvisto verrà respinto. «Ma secondo le nostre informazioni non ci sono al momento rischi di incidenti», ha detto Kuribak, che si è detto dispiaciuto dell'assenza di tifosi italiani questa sera al Maracanà. «Non capisco perchè la Federazione italiana abbia rinunciato al 5% dello stock di biglietti (circa 2.500) a sua disposizione. Con i tifosi italiani l'atmosfera sarebbe stata migliore. Io volevo che ci fossero, e sono dispiaciuto», ha detto. Il generale serbo ha precisato che complessivamente sono mobilitati a Belgrado 1400 agenti di polizia e gendarmeria per garantire la sicurezza a margine di Italia-Serbia. Dall'Italia, ha affermato da parte sua Massucci, sono giunti sei funzionari di polizia incaricati in primo luogo di garantire l'assistenza ai nostri connazionali che dovessero trovarsi in difficoltà. «Da parte nostra c'è la volontà di mediare e evitare situazioni in cui la polizia serba sia costretta a intervenire. Se non si riuscirà a mediare, spetterà alla polizia serba esercitare i suoi poteri», ha detto Massucci. Kuribak ha ribadito che tutti i biglietti messi in vendita sono nominali e che all'ingresso allo stadio bisognerà presentare con il tagliando anche un documento di identità. A nessuno dei 51 teppisti responsabili dei disordini di Genova un anno fa verrà consentito l'ingresso al Maracanà - ha aggiunto il generale serbo, al quale Massucci - in un'atmosfera di grande amicizia e collaborazione - ha regalato una maglia azzurra della nazionale con numero 10 e con il nome Kuribak. «Andrà tutto bene, e la Serbia vincerà», ha detto il generale sorridente

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]