firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
studio manetti consulting

Dichiarazioni dei redditi, il calendario dei versamenti

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Massimo Manetti, tributarista e titolare dello Studio Manetti Consulting, illustra ai lettori de ilsitodiFirenze.it le modalità di versamento per i contribuenti in base alle proprie dichiarazioni dei redditi.

 

Salvo che non intervengano modifiche nelle tempistiche, il 30 giugno è la data entro la quale i contribuenti dovranno dare il via ai versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei Redditi, salvo che non vogliano approfittare della possibilità di giovarsi di ulteriori 30 giorni (con maggiorazionedello 0,4 per cento) e non si tratti di società di capitali che si sono avvalse della facoltà di approvare il bilancio entro il maggiore termine di 180 giorni.

 

Il calendario dei versamenti, da anni, è caratterizzato non solo dalla possibilità di godere di una dilazione di ulteriori 30 giorni, dietro corresponsione dello 0,4 per cento in più, ma anche dal fatto che, in caso di rateazione, le rate successive alla prima scadono il 16 del mese per i titolari di partita IVA a fine mese per i non titolari di partita IVA.

 

Questa diversa cadenza prevista nel caso di rateazione ha da sempre comportato effetti “curiosi”, per non dire spiacevoli, soprattutto in capo ai non titolari di partita IVA, che si ritrovavano, in caso di versamento a luglio, chiamati sostanzialmente a versare due rate pressoché in contemporanea la prima il 30 luglio (ovvero nei 30 giorni dal 30 giugno) mentre la seconda il 31 luglio (ovvero a fine mese).

 

Quest’anno, questi contribuenti possono, invece, godere di una rateazione dalle tempistiche più interessanti, poiché il 31 luglio cade di sabato, e il primo giorno lavorativo successivo cade nella cd. “pausa estiva”.

 

CONTINUA A LEGGERE

 

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]