firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
la ricostruzione

Omicidio via Sant'Antonino, l'assassino confessa: "Ho ucciso per paura". Uscito da pub a casa per prendere coltello

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

"Ho ucciso per paura di essere accoltellato", ha risposto così al magistrato Nader Ben Khalifa, il 39enne tunistino fermato dai carabinieri per l'omicidio di Gzonit Kelmendi (nella foto), 33enne del Kosovo, avvenuto la notte scorsa in via Sant'Antonino, nel centro storico di Firenze.

 

L'uomo, interrogato dal pm Beatrice Giunti, ha ammesso le sue responsabilità e avrebbe detto di essere distrutto per il gesto compiuto.

 

Secondo quanto emerso il nordafricano si trovava in un pub in via Faenza, zona centrale, e secondo la ricostruzione dei carabinieri, verso le 2, la vittima, cameriere in un ristorante del centro, sarebbe entrata nel locale con alcuni amici. Sia il fermato che la vittima sarebbero stati ubriachi e tra i due sarebbe iniziata una lite, sembra per futili motivi, sulla cui natura le indagini comunque proseguono, sedata in un primo tempo da amici e dai camerieri.

 

Poi, però, il 39enne sarebbe uscito dal locale e sarebbe andato nella stanza del b&b dove alloggia, e avrebbe preso un coltello da cucina a lama seghettata, per tornare al pub ricominciando la lite col 33enne fino a ucciderlo fuori.

 

Infatti, i due sarebbero usciti in strada per chiarirsi e a questo punto, nella vicina via Sant'Antonino, Khalifa avrebbe accoltellato più volte il 33enne al torace e alle gola.

 

Secondo il racconto del tunisino, che presenta vistose ferite al volto e a un braccio, il kosovaro lo avrebbe picchiato e gli avrebbe strappato i vestiti, facendo cadere a terra il coltello da cucina che nascondeva sotto la maglietta.

 

Il tunisino avrebbe detto di aver afferrato il coltello da terra temendo che l'altro lo prendesse prima di lui e lo colpisse per primo, poi di aver sferrato contro l'uomo fendenti alla cieca, senza sapere esattamente dove colpiva. Quindi sarebbe rientrato a casa e avrebbe lavato il coltello. Poi, resosi conto di quanto aveva fatto, sarebbe sceso di nuovo in strada dove è stato bloccato dai carabinieri.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]