firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
DeepMyBeat

Ultima chiamata per il concerto di Luca Barbarossa domani al Puccini di Firenze

Il cantautore romano è in giro per teatri con il suo ultimo album "Roma è de tutti"
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Un Festival di Sanremo che gli ha portato nuova visibilità, un nuovo album da promuovere, "Roma è de tutti", e la sua irrefrenabile voglia di cantare alla gente le sue storie, ancora meglio se si parla della sua amata Roma. Domani Luca Barbarossa, sarà a Firenze al teatro Puccini alle 21.

 

 

Il nuovo album di Luca Barbarossa parla la lingua della strade della capitale, per raccontare scorci e aneddoti di vita, ecco cosa è “Roma è de tutti”.

 

 

Il concerto è diviso in due parti: nella prima viene riproposto l’album “Roma è de tutti”, nella seconda il repertorio ormai storico dell’artista. I brani sono comunque arrangiati in chiave acustica, una scelta condivisa con la band di cui fanno parte anche i due produttori del disco: Maurizio Mariani al basso e Francesco Valente alle chitarre, insieme ad Alessio Graziani alle tastiere e Piero Monterisi alla batteria.

 

 

Lo spettacolo ripropone una dimensione neorealistica, in una chiave che visivamente si fa cinematografica, grazie soprattutto ai visual curati da Filippo Rossi, insieme al progetto luci di Claudio Cianfoni.

 

 

 

Nella scenografia, grandi piantane sparse sul palco alludono proprio ai fari di un set cinematografico in un’evocazione indiretta di Cinecittà, mentre sui fondali scorrono le immagini dei muri: fogli bianchi su cui scrivere questi racconti.

 

 

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]