firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
san casciano

Teatro, nasce la prima compagnia di attori richiedenti asilo

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Una compagnia teatrale di cittadini richiedenti asilo in Italia. E' quella nata a San Casciano (Firenze) costituita da attori richiedenti asilo di Egitto, Gambia, Costa d'Avorio, Guinea, e Camerun.

 

Il debutto è previsto con lo spettacolo 'Non siamo Baobab', una produzione firmata da Arca Azzurra per la regia di Patrick Duquesne, che andrà in scena al Teatro Niccolini di San Casciano il 24 aprile (ingresso 8 euro, info 055 8256388).

 

L'età degli attori varia dai 14 ai 55 anni. Tutti si sono conosciuti nell'ex Cas di San Casciano, oggi centro Sprar. "Non siamo fermi, immoti nei luoghi in cui nasciamo, siamo un'umanità costantemente in viaggio", dicono gli attori.

 

"Siamo più simili ad una sorgente - sottolinea il regista belga Patrick Duquesne - sappiamo da dove veniamo e non neghiamo le nostre radici, la vita ci porta sempre da qualche parte e noi scorriamo insieme a lei, come il fluire dell'acqua di un fiume in piena".

 

Il filo rosso da cui prende vita lo spettacolo che fonde elementi comici e drammatici è il tema della valigia e dell'incontro. "Ho chiesto a ciascuno di loro di pensare a cosa mettere dentro alla propria valigia e di immaginarsi protagonisti di un viaggio - aggiunge il regista - da questo spunto drammaturgico sono emerse le storie più forti ed emozionanti, il teatro si è aperto come un libro in cui i ragazzi hanno liberato angosce, ricordi, particolari dei loro drammatici vissuti che ci hanno fatto piangere e ridere allo stesso tempo".

 

"L'intera umanità vive una storia che cambia continuamente - conclude Duquesne - siamo tutti protagonisti di un viaggio fatto di emozioni, esperienze, eventi che si arricchisce dell'incontro con gli altri"

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]