firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Digos

Anarchici imbrattano sottopasso della Stazione. Denunciati

Sono tre persone indagate anche nella maxi inchiesta con 78 indagati
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

    La digos di Firenze ha denunciato tre giovani appartenenti al movimenti anarchico fiorentino, ritenuti responsabili, lo scorso 18 giugno, di aver imbrattato con scritte il sottopasso della stazione ferroviaria di Rifredi, e poi di aver oscurato con la stessa vernice la telecamera di sorveglianza che li aveva immortalati. Si tratta di due ragazzi e una ragazza di età compresa tra i 25 e i 30 anni: dovranno rispondere dei reati di imbrattamento delle cose altrui e di danneggiamento di sistemi informatici di pubblica utilità. Secondo quanti riferito, tutti e tre fanno parte del gruppo dei 78 indagati nell'ambito dell'operazione condotta il 4 maggio scorso dalla digos contro il gruppo anarchico 'Spazio liberato 400 colpì. Sempre in base a quanto emerso, ad incastrali sarebbero state le immagini riprese dalla telecamera di videosorveglianza presente nel sottopasso, oscurata dai tre solo in un secondo momento. «Libertà per tutti gli arrestati» e «Basta videosorveglianza» le scritte tracciate sui muri.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]