firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
procura di firenze

Stalking, chiuse indagini su imprenditore che perseguitava noto professionista

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

I pubblici ministeri della Procura di Firenze, Ester Nocera e Benedetta Foti, hanno chiuso le indagini per stalking nei confronti di Giancarlo Del Negro, imprenditore fiorentino di 74 anni, già noto alle cronache per varie inchieste (leggi Repubblica del 2004 - Corriere fiorentino 2012), su cui tra l'altro pende il divieto di avvicinamento nei confronti di un noto professionista fiorentino. L'avviso di fine indagini, di prassi, anticipa la richiesta di rinvio a giudizio. 

 

La vicenda ha inizio nel 2018 quando Del Negro, difeso dall'avvocato Daniele Pucci di Prato, a seguito di un mancato accordo professionale, inizia a 'postare' alcuni stati di WhatsApp con offese e allusioni gravissime, con tanto di nome e cognome nei confronti di alcune persone, compreso il professionista, per "gettare discredito" anche sulla famiglia dell'uomo.

 

Una persecuzione a "cadenza giornaliera", in cui Del Negro aveva preso di mira in particolare il professionista, augurandogli di trascorrere il Natale nel carcere di Sollicciano, scrivendo continue offese alla moglie e ai figli, pubblicate anche sui social network.

 

Anche dopo una denuncia presentata dal professionista, Del Negro prosegue la sua escalation di atti persecutori, spedendo oltre 50 lettere anonime allo studio del professionista. All'interno delle buste, sempre spedite da Firenze, c'erano fogli bianchi scritti a computer, contenenti messaggi con accuse gravissime per aver commesso reati di ogni genere, la vicinanza e l'appartenenza ad una famiglia mafiosa e le continue offese ai familiari.

 

A quel punto, logorato da una situazione insostenibile, il professionista ha ingaggiato un investigatore privato per cercare di cogliere sul fatto lo stalker. Ed è stato proprio durante l'invio di alcune di queste lettere anonime, che Del Negro è stato fotografato ad imbucare le missive nella cassetta postale di via Pellicceria a Firenze. Dal successivo controllo, condotto dai carabinieri, sono poi state trovate proprio tre lettere indirizzate al professionista.

 

Lettere con "frasi pesantemente offensive (..) nelle quali lo accusava ingiustamente di aver commesso una serie di reati", tra cui lesioni volontarie e alcune truffe, e di "essere vicino alla famiglia malavitosa dei Sutera".

 

Su Del Negro, come già scritto, pende anche il divieto di avvicinamento e comunicazione nei confronti del professionista, infatti, come ha scritto il gip Farini nell'ordinanza cautelare, "la quantità di affermazioni denigratorie, offensive e minacciose pubblicate dal Del Negro è davvero rilevante", inoltre l'imprenditore ha "dimostrato di non sapersi sottrarre agli impulsi criminosi" e di voler continuare "ad ogni costo nel suo proposito persecutorio".

 

Secondo i pm Del Negro ha causato al professionista "un perdurante e grave stato di ansia e di paura" oltre ad "un fondato timore per la incolumità propria e dei suoi prossimi congiunti" che lo ha costretto "a modificare le proprie abitudini di vita".

 

Per quanto riguarda la pubblicazione dei post su WhatsApp, Del Negro è indagato anche per diffamazione aggravata nei confronti del professionista, di un altro imprenditore e del figlio, anche lui diffamato dal padre.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]