firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
I motivi della protesta

Presidio alla ASL 10 contro la chiusura della RSA "Le Civette"

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

In questo momento davanti alla sede della Asl 10 di Firenze in piazza Santa Maria Nova è in corso un presidio contro l'annunciata chiusura della RSA "Le Civette". Oltre 70 lavoratori perderanno il lavoro e tantissime famiglie che hanno i propri cari ricoverati nella struttura, saranno costretti a rivolgersi ad enti privati e conseguentemente far fronte a spese che possono arrivare fino a 3.500 euro al mese.

Ecco il volantino della manifestazione:

 

Senza spiegazione alcuna la ASL 10 sfratta gli anziani che vivono nella RSA Le Civette
creando un grosso disagio agli assistiti ed ai loro familiari.
Le Civette occupano 73 lavoratori e ospitano 60 anziani nella RSA e 7 anziani nel Centro
diurno Alzheimer.
• La ASL NON ha reso note le motivazioni della chiusura,
• Né l’uso che vorrà fare della struttura su cui ha speso, da poco tempo, soldi
pubblici per ristrutturarla e renderla adeguata al servizio a cui è adibita,
• E soprattutto che fine faranno gli ospiti residenti alle Civette, soggetti
anziani,non autosufficienti e indifesi
.
I dirigenti della ASL 10 hanno dichiarato alla stampa in questi giorni che non c’è nessuna fretta
ma intanto hanno inviato la comunicazione di chiusura e sono arrivate le lettere di
licenziamento ai 73 lavoratori.
Chiediamo alla ASL che renda pubbliche le motivazioni e gli atti di tale decisione;chiediamo
che la Regione e il Comune intervengano per la difesa di strutture di eccellenza come Le
Civette .
Gli ospiti e i loro familiari non hanno intenzione di essere sfrattati dalla RSA Le Civette
che è la loro casa e la loro famiglia.
I 73 operatori in licenziamento della casa delle Civette non li abbandoneranno .
Chiediamo la solidarietà di tutti i cittadini,le associazioni e le organizzazioni impegnate
per la difesa della salute e dei servizi social.
Chiediamo a tutti di aderire e partecipare alle prossime iniziative per contrastare la politica
dei tagli ai servizi e soprattutto a quelli che si rivolgono alle fascie più deboli della
popolazione:anziani,disabili, malati psichiatrici.
1 ) giovedì 29 sett. Dalle ore 14 alle ore 16 presidio davanti a Santa Maria
Nova sede del direttore generale della ASF 10:chiederemo di essere ricevuti e di avere
risposte in merito alle decisioni prese
2 ) lunedì 3 ottobre dalle ore 15 alle ore 18 presidio davanti alla sede del
Comune pz. Signoria angolo via dei Gondi durante la seduta del Consiglio Comunale .
3 ) lunedì 10 ottobre alle ore 10,30 convocazione dei rappresentanti dei
lavoratori e dei familiari all’assessorato alla Sanità via Taddeo Alderotti .

RICORDIAMO a chi vuole partecipare di inviare adesioni e partecipare alla raccolta di firme
Presso le Civette troverete un tavolo che rappresenta il Comitato di Agitazione
permanente della RSA Le Civette.

I LAVORATORI DELLA RSA LE CIVETTE – GLI OSPITI E I LORO PARENTI -
- CUB Sanità di Firenze -
Associazione A.Di.N.A. - Comitato San Salvi chi può - A.V.O. - A.I.M.A. –
Chille de la Balanza - Medicina Democratica - Associazione per la memoria viva
di San Salvi “Carmelo Pellicanò” .
Hanno aderito: Rifondazione Comunista , per Unaltracitta

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]