firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).

Pillole da Palazzo 28/02/2011

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Consiglio Comunale in diretta

Ore 19:40 Giani si rallegra dell'esito...unanime! E dichiara chiusa la seduta.

Ore 19:39 La Di Giorgi difende la Giunta e l'atto votato.

Ore 19:37 intanto Roselli è andato via e il resto del Pdl ha già infilato il cappotto, Bonifazi intanto va da loro e scambia qualche battuta, ridacchiano.

Ore 19:33 attacco personale di Roselli a Cruccolini: ""Il Consigliere conosce bene la differenza tra una delibera e un ordine del giorno, prima la mette in tasca ai cittadini e poi chiede per favore". Cruccolini "Noi non la mettiamo in tasca a nessuno a differenza di qualcuno che giura di non mettere le mani in tasca ai cittadini e poi fa il contrario!". Si fa retorica? "I cittadini vadano a vedere il centro perchè a volte si hanno dei pregiudizi".

Ore 19:31 Votata la delibera di maggioranza, approvata, con esecuzione immediata.

Ore 19:20 Giani contesta a Grassi la cancellatura di una firma in calce a un emendamento. Il nome che ancora si legge è quella di Eros Cruccolini, in più vengono contestati altre numerose cancellature che a detta di Giani "non rendono l'atto ammissibile come ordine del giorno". Grassi: "Era una provocazione, se la maggioranza crede a quest'atto lo inserisca nella delibera e non con un ordine del girono inutile". Interviene Spini a difesa del suo discepolo "Faccio notare che il presente ordine del giorno a firma del Pd, altro che cancellature!". Apoteosi nei banchi del centrodestra, anzi del Pdl (Sarra non si offenda, tanto non c'è più da un pezzo, come del resto tutto il Fli). Grassi accusa Giani di "essere di parte".

Ore 19:08 Siamo giunti al diciassettesimo emendamanto (Roselli)""Si chiariscano che sono 730 giorni di calendario e non 730 giorni lavorativi, chiedo al Pd almeno questo". Ormai Roselli è sconsolato. Ma l'appello resta inascoltato e la mozione viene respinta. Torselli "Ci viene voglia di bocciarceli da soli gli emendamenti!"

Ore 18:57 gli emendamento continuano, siamo a quota 11, tutti regolarmente respinti. Grassi insiste "Il centro di rottamazione non era previsto nel piano regolatore, motivo per il quale oggi non è in contrasto".

Ore 18:54 Tenerani e Locchi intanto condividono un salatino. Bonifazi offre sigarette.

Ore 18:32 Grassi presenta il secondo emendamento, respinto pure quello. Terzo emendamento (sulla certezza dei tempi dei lavori)........idem! "Buffoni, sciacquatevi la bocca", sempre dalla platea. Grassi non si arrende e presenta il quarto emendamento,....respinto! Quinto emendamento Grassi, e ovviamente ........respinto, la signora di prima:"Quattroocchi, ci vuole Quattrocchi!" Grassi imperterrito; sesto e settimo emendamento con cui auspica di posticipare l'apertura dopo la fine delle opere.....vd sopra. E ancora "Mi vergogno di essere fiorentina!".

Ore 18:30 Grassi chiede di specificare se si tratta di due anni 'lavorativi' oppure no 8se così fosse dventerebbero 3 e oltre). La mozione è votata, viene respinta. Proteste sonore: Buffoni!Ma vergognatevi! Una signora grida "Rottamatevi, ma voi!". Interviene l'agente di sicurezza che invita al silenzio: "Lei dove abita?- replica un signore di mezza età - noi abitiamo lì".

Ore 18:17 Torselli "Questa amministrazione è abituata a elargire sogni, prima con i 100 punti, poi con i 100 luoghi. la situazione del Rottamatore (il Ferrale) è il frutto di errori a catena. Ora a noi tocca limitare i danni. Il punto è che Firenze non ha un assessore all'urbanistica o meglio è Matteo Renzi. Mettiamoci una pezza ma almeno ricostruiamo la storia. Si disse che i 5 centri rottamatori dovevano esseri traferiti in un unico centro ma che al posto di quei 5 sarebberi sorti, dopo averli bonificati, altrettanti parchi o aree verdi. Ma poi di quei parchi non se ne è più sentito parlare. Cerchiamo ora di salvare il salvabile, di limitare i danni per i cittadini (presenti una rappresentanza)". Poi Torselli conclude:"Continuano a promettere sogni ai fiorentini per una Firenze più bella tra qualche anno, intanto si comincia a rovinarla oggi". Applauso dalle fila dei cittadini presenti.

Ore 18:01 La De Zordo ancora sul Ferrale, ne contesta la località, una zona rurale "per legge si devono prediligere delle zone industriali dismesse e non in aree naturali protette, aree innstabili...etc".La legge è stata presa alla lettera ma al rovescio! "Chi l'ha scelta questa localizzazione?". E Marzullianamente "L'ha scelta un privato che certo non aveva interesse al bene di quella zona, poi il comune ha accettato la proposta". La consigliera si augura che i successivi emendementi alla norma faciliteranno la soluzione delle problematiche sollevate. Il pubblico in sala applaude.

Ore 17:24 Elisabetta Meucci risponde a Grassi sul centro di rottamazione del Ferrale. Eros Cruccolini invita la collega a chiamarlo 'centro di autodemolizione' poi spiega "Non vorrei che si dicesse che Renzi, che vuole rottamare i politici, abbia predisposto un luogo apposta"

Ore 17:22 mozione sulle due linee Ataf da parte di Torselli approvata all'unanimità. Giani se ne compiace e specifica "l'ha votata anche Razzanelli".

Ore 17:09 Tenerani ringrazia l'Assessore Di Giorgi per le spiegazioni date ma se la prende con l'Assessore Empoli (da lui soprannominato Mr.Magù) suo bersaglio preferito, "Capisco che lui sia più attratto dalle questioni antropologiche del popolo islandese". la Di Giorgi cerca di mantenere un contegno ma poi non resiste e si lascia andare a un sorriso. Ma Tenerani insiste "ricordo che Della Valle, fiorentino e presidente della società di calcio della nostra città va a Roma da Alemanno per ristrutturare il Colosseo, e non prende nemmeno un caffè con il sindaco di Firenze o con l'Assessore alla Cultura.... vorrei che Da Empoli si ricordasse ogni tanto di essere l'Assessore alla cultura di una delle città più belle d'Italia e non del fantastico mondo di Quark di Piero Angela". Niente da aggiungere. La Di Giorgi ormai è esplosa in una fragorosa risata.

Ore 17:02 la De Zordo come volevasi dimostrare protesta in un comunicato stampa l'apertura dei negozi in centro il 17 febbraio, giorno deputato alla celebrazione della festa dell'Unità d'Italia. Ma Nardella aveva specificato "ne hanno facoltà!".

Ore 17:00 Archivio Zeffirelli, che da Firenze si è trasferito a Roma; interviene la Di Giorgi. Ripercorre la vicenda della scuola di formazione per le arti dello spettacolo la cui sede era stata predisposta per la zona delle Cascine. L'8 Novembre 2010 il Maestro ha rinunciato al progetto per questioni di salute.

Ore 16:40 Fantastico l'intervento di Riccardo Sarra (Fli) "Invito l'Assessore (Saccardi) e gli altri a non usare l'espressione generica 'rispondo all'interrogazione del centro destra ma di specificare 'del Pdl!' ". Sublime! Il divorzio è approdato a questioni lessicali.... e allora basta!

Ore 16:36 Stella prende le difese dei lavoratori "la questione è diventata politica, ci abbiamo messo la faccia non siamo stati in grado di dare risposte ai lavoratori. Sono stati fatti dei colloqui che ancora non hanno avuto un esito. Chiedono tempi certi, solo tempi certi!" Applauso da parte dei lavoratori. un signore esclama "Tanto non gliene frega nulla!" e se ne va, con lui tutti gli altri.

Ore 16:27 La Saccardi su Villa Cherubini, la discussione si accende, il pubblico (lavoratori della casa di cura) interviene e inveisce contro l'Assessore, quando la Saccardi specifica che la casa di cura è una struttura privata e perciò non è tenuta ad assumere dipendenti.

Ore 16:22 Oggi la seduta è seguita da un folto numero di 'spettatori'. Stefano Di Puccio sulla morte di un detenuto nel carcere di Sollicciano, "molti i casi di suicidio in Toscana, il carcere non funziona è una discarica sociale per sopperire ai problemi dell'immigrazione e della tossicodipendenza".

Ore 16:20 Grassi ancora sulle RSA e sulle liste d'attesa in aumento "di almeno un'unità al giorno".

Ore 16:08 Stefania Saccardi sulla ASP di Montedomini, e sulle Rsa. Sulle unità immobiliari dell'ASP, il numero ammonta a 260 "quelli sfitti sono fatiscenti". Altra domanda: Perchè non sono pubbliche le liste delle unità immobiliariin locazione ? Risposta: non sono segrete ma non rese note ai giornalisti. Sul numero delle persone in lista per le RSA il numero ammonta a 360. "Risorse ulteriori per coprire le liste di attesa non ci saranno".

Ore 16:00 Non si poteva non fare un riferimento alle dichiarazioni di Berlusconi sulla scuola pubblica: Stefania Collesei "Vergognoso!". La Di Giorgi "Siamo in una situazione di follia istituzionale!!". Legge il testo con le dichiarazioni di B. " la libertà di scegliere????Non solo il governo taglia poi ci dice anche cosa non funziona nella scuola pubblica!". Valdo Spini "un messaggio sostanzialmente sbagliato, EVERSIVO!, perché dice ai genitori di ribellarsi agli insegnanti!".

Ore 15:54 Nardella si siede, Giani: "Non si rilassi troppo, tocca di nuovo a lei!". La De Zordo chiede alla Giunta e all'Amministrazione se nel 17 marzo i negozi resteranno chiusi oppure no. Nardella "Vale la stessa regola di ogni altra festività, quindi scuole e uffici chiusi. Chiusi anche i negozi, tranne quelli del centro che hanno facoltà di apertura!". La De Zordo chiede conferma, "Quindi in centro re- ste- ran- no a-p-e-r-t-i? Lo chiede di nuovo ....ha detto che ne hanno facoltà! Ci apettiamo un comunicato di protesta.

Ore 15:50 Nardella sull'artigianato e la legge Bersani a riguardo "L'Amministrazione da tempo è impeganata sul rilancio dell'artigianato, in particolare nell'operazione di concentramento in una particolare zona, l'Oltrarno".

Ore 15:43 si cambia rapidamente argomento; Mattei risponde all'interrogazione della Giocoli sulle aree di sosta, domanda incalzata dalla trasmissione le Jene. Ma Giani impone un ritmo piuttosto celere: non oltre 3 minuti a testa, quindi la Giocoli non resta soddisfatta della risposta. La questione riguarda le strisce blu e la loro leggittimità in talune posizioni, per esempio in prossimità di un incrocio.

Ore 15:39 si parla di cinema e cominciano i primi screzi Leonardo Bieber e Marco Stella battibeccano a distanza sui provvedimenti del governo sulle agevolazioni al cinema

Ore 15:27 in ricordo di Mario Luzi poeta fiorentino del Novecento

Ore 15:26 ricordo dei militari italiani uccisi in missione

Ore 15:25 Si comincia

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]