firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Castello

Processo Fondiaria Sai: respinta richiesta Comune di costituirsi parte civile

Fissate le udienze, fine del processo fissata per inizio 2012
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Il tribunale ha respinto la richiesta del Comune di Firenze di costituirsi parte civile nel processo in corso a Firenze sulla trasformazione urbanistica dell'area cittadina di Castello, di proprietà di Fondiaria-Sai. Fra gli imputati, l'imprenditore Salvatore Ligresti e gli ex assessori comunali di Firenze Gianni Biagi e Graziano Cioni. Il presidente ha fissato un calendario 'fittò di udienze fino al 29 febbraio, quando il processo dovrebbe essere alle battute finali. Riguardo la costituzione di parte civile, secondo i giudici la richiesta del Comune presenta degli errori formali. Il tribunale ha rigettato anche l'analoga richiesta dell'Assoconsumatori, accogliendo quelle della Provincia e dell'Ordine degli architetti. Il tribunale ha poi respinto l'accordo 'informalè fra pm e Cioni per abbreviare i tempi del processo: di fatto, ci sarebbe stato uno stralcio della posizione dell'ex assessore. Alla luce del calendario di udienze, la difesa di Cioni si è comunque detta soddisfatta. Gli imputati sono sette. Tra i reati contestati, a vario titolo, il concorso in corruzione e l'abuso d'ufficio. Fra l'altro, l'accusa ipotizza che l'interesse pubblico sia stato sacrificato in favore di quello della proprietà dell'area, che sarebbe stata interessata a ottenere il maggior numero di permessi a costruire. Prossima udienza il 26 settembre.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]