firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Anticipo di Campionato

Inter - Fiorentina: risultato 2 a 0 (finale)

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Inter e Fiorentina si affrontano allo stadio Giuseppe Meazza di Milano nella gara valida per la quindicesima giornata del girone di andata del Campionato di Serie A 2011 – 2012. I Viola sbarcano in Lombardia orfani di Montolivo e Cerci, ma forti della vittoria per 3 a 0 contro i giallorossi e due punti di vantaggio in classifica sui nerazzurri, mentre quest'ultimi sono reduci da due sconfitte consecutive (in Campionato e in Champions).

Chi non ha niente da perdere sono i Gigliati, mentre un passo falso dell'Inter acuirebbe pericolosamente una crisi già in corso.

 

Queste le formazioni ufficiali che hanno dato vita alla sfida:

 

Inter: (4-4-2): Julio Cesar, Maicon, Lucio, Samuel, Nagatomo, Faraoni, Thiago Motta, Cambiasso, Coutinho, Pazzini, Milito . A disp: Castellazzi, Cordoba, Alvarez, Poli, Zarate, Castaignos, Muntari, . All: Claudio Ranieri.

Squalificati: Zanetti. Diffidati: Thiago Motta. Indisponibili: Chivu, Forlan, Sneijder, Viviano.

 

Fiorentina: (4-3-1-2): Boruc, De Silvestri, Gamberini, Natali, Pasqual; Behrami, Munari, Lazzari, Vargas; Ljajic, Gilardino. A disp: Neto, Silva, Kharja, Nastasic, Salifu, Romizi, Romulo. All. Rossi. Squalificati: nessuno. Diffidati: Lazzari, Munari. Indisponibili: Cassani, Cerci, Kroldrup, Montolivo, Jovetic.

 

 

Arbitro: Paolo Tagliavento della sezione di Terni, assistenti Giordano e Ghiandai, quarto uomo Gallione.

 

Sui Viola si abbatte improvvisa la tegola Jovetic, il talento montenegrino, infatti, oggi ha manifestato un problema muscolare all'anca (sembra dalla parte opposta dove aveva già avuto lo stesso disagio). Spazio quindi all'inedita coppia d'attacco Gilardino – Ljajic.

L'Inter batte il calcio d'inizio e già al 4' Pazzini scalda i guanti a Boruc su suggerimento di Coutinho e al 10' per un soffio non arriva al colpo di testa su traversone di Nagatomo. Una maldestra apertura di Munari, al 12', vanifica una possibile ripartenza in superiorità numerica, cosicché dopo 15' i tiri Viola verso la porta difesa da Julio Cesar sono ancora zero. Behrami si distingue per continui recuperi, ma manca sinergia fra la linea mediana e gli avanti Gigliati, in ogni modo, malgrado sia l'Inter a fare la partita, la Fiorentina si difende in maniera ordinata. Al 28' Faraoni ottiene il terzo corner per i nerazzurri, ma il conseguente cross non crea difficoltà alla difesa Viola. Al 29' si registra la prima conclusione verso la porta della Fiorentina: Vargas calcia da distanza siderale e la sfera si perde alta. Al 31' Coutinho si beve Gamberini e calcia verso Boruc che salva la porta, mentre al 34' il capitano Gigliato riesce a salvare all'ultimo con un'ottima chiusura su Nagatomo. Al 38' arriva il primo giallo dell'incontro: Maicon stende Vargas nei pressi del vertice sinistro dell'area di rigore. La 41' l'ex Pazzini sblocca la partita: Natali si addormenta e il “Pazzo”, dopo aver aggirato il centrale Viola, con un colpo d'esterno supera Boruc. Tagliavento non assegna recupero e termina il primo tempo. Parate di Cesar: zero.

 

Parte la ripresa senza nessun cambio e Gamberini al 2' salva in anticipo su Milito che avrebbe potuto calciare da pochi passi, ma al 49' arriva il “gollonzo” di Nagatomo: Pasqual e Behrami si ostacolano a vicenda e involontariamente Pasqual calcia la palla su Nagatomo che la osserva finire dentro la rete. Inter 2 – Fiorentina 0.

Al 52' esce Munari ed entra il giovane Amidu Salifu.

Gilardino al 55' potrebbe colpire, ma l'anticipo di Lucio nega la conclusione al numero 11. Giallo per Gamberini al 6' che atterra Milito con un fallo da dietro. Sotto di due reti a zero la Fiorentina si affaccia nei pressi dell'area interista, ma manca l'assist finale. Al 61' anche Claudio Ranieri opera il primo cambio: Muntari rileva Coutinho. Al 64' esce Milito rilevato da Zarate e un minuto dopo Santiago Silva subentra a Ljajic.

Brivido al 67' per un tiro di Motta che esce di poco alla destra di Boruc. Al 69' Vargas usufruisce di una calcio di punizione che, smorzato dalla barriera, fa registrare la prima parata da parte di Julio Cesar.

Al 72' 2° corner per i Viola, batte Vargas, ma la palla è troppo alta per tutti. Al 75' Kharja prende il posto di Lazzari. Al 77' Muntari e Pazzini si divorano il 3 a 0 da pochi passi dalla porta: il primo calcia a lato e il secondo non riesce a trovare l'impatto col pallone con Boruc fuori causa.

Mancano 10' al 90° e la Fiorentina risulta non pervenuta. Pazzini, innescato con un rasoterra filtrante, all'ottantacinquesimo grazia Boruc. Santiago Silva gira di testa al minuto 87 un cross proveniente dalla sinistra, Julio Cesar ringrazia e blocca a terra. Gila riesce ad anticipare Samuel al 90' con un tocco di esterno, ma la deviazione esce a lato. Tagliavento assegna 3' di recupero, dove non si registrano azioni salienti.

 

Termina la partita e l'Inter vince meritatamente. I Viola placano gli entusiasmi del tris ottenuto domenica scorsa con la Roma e dovranno farsi un esame di coscienza. Julio Cesar risulta non giudicabile, dato che non è mai stato impegnato seriamente. Rimane il rammarico per aver concesso i due gol per distrazioni difensive facilmente evitabili, ma centrocampo ed attacco sono apparsi decisamente disconnessi. Buona la prova di Amidu Salifu che ha dimostrato sicurezza e precisione nei disimpegni.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]