firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Solo il tempo darà una risposta

Collettivo Autonomo Viola: querelle stampa-tifosi

Le reazioni di Vuturo ad un articolo de Il Tirreno
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Ieri, sulle colonne de Il Tirreno, è stato pubblicato da Stefano Prizio un interessante articolo che analizza il recente scioglimento del Collettivo Autonomo Viola ed i possibili scenari futuri del cosiddetto “tifo organizzato”. A seguito di questa pubblicazione, Pietro Vuturo, noto ultras Viola, ha risposto con una ferma lettera su dodicesimouomo.net (portale dei tifosi della Fiorentina). In tutta onestà, la replica all'articolo appare eccessiva, ma non essendo nelle condizioni di poter argomentare le affermazioni dell'uno e dell'altro, ci limitiamo a riportare entrambi i testi: solo il tempo e gli eventi dimostreranno da che parte stia la ragione.

Questo l'articolo, tratto da "Il Tirreno"

CURVA FIESOLE, E da domani chi comanderà?

Nacque nel 1978, quando il riff di chitarra di Figli delle Stelle s’impastava al grande suono dance della hit prima in classifica, Stayin’Alive. Nacque da una costola dello storico gruppo degli Ultras per poi prenderne il posto, al centro della curva e nella galassia mitologica della Fiesole, dal 1983 in poi, dopo i fatti di cronaca nera a margine di Fiorentina-Roma che portarono all’arresto di molti elementi del gruppo Ultras e allo scioglimento d’imperio dello stesso. Una storia che è durata 33 anni, la storia del Cav, Collettivo Autonomo Viola: «I club storici si sciolgono - dice Stefano Sartoni detto “Passarella” l’ultimo presidente del club - succede in molte parti d’Italia, il calcio è cambiato e cambia anche il modo di tifare». Le band si sciolgono e perciò non c’è amarezza nelle parole di Sartoni, ma la semplice constatazione che un’epoca è tramontata. Questo «ragazzo» attorno ai cinquanta ha visto ben altri tempi, quelli di Stefano Biagini detto Pompa, quelli di club che hanno fatto la storia delle curve viola come l’Alcool Campi e che oggi sono solo un ricordo: «Ci rimangono quelli, i ricordi - continua Sartoni - e l’amicizia tra di noi, continueremo ad andare in Fiesole e a fare le trasferte, continueremo ad amare la Fiorentina». C’era solo l’esigenza di chiudere in bellezza, senza rischiare lo scadimento di qualità. Ma la decisione traumatica, che il vecchio direttivo del Cav definisce «nell’aria da diverso tempo», è stata un fulmine a ciel sereno per molti a Firenze. In realtà più che il presente è l’incertezza sul futuro a determinare il clima di quasi tregenda che si respira in città. Il gioco della squadra non ha entusiasmato - a parte l’insperata parentesi a Palermo - ma la classifica, grazie a una serie di vittorie casalinghe di misura, non è disperante. Sull’avvenire sportivo invece s’addensano le nubi ed è persino possibile che in vista di prevedibili tempeste gli storici capi del Collettivo abbiano deciso di tirare i remi in barca. Le ragioni economiche. Esistono poi motivi economici che hanno spinto ad una scelta così netta come quella di chiudere: le fonti di finanziamento di un club numeroso come il Collettivo debbono essere molteplici, la classica colletta per le coreografie e gli striscioni, ma anche la vendita degli abbonamenti delegata dalle società, quella dei biglietti e il merchandising non ufficiale prodotto e venduto dal club stesso. Giova ricordare che in curva Fiesole la società viola non ha mai aperto un punto vendita di prodotti ufficiali come negli altri settori dello stadio Franchi, proprio a causa del “divieto” imposto dai gruppi organizzati del tifo. Ma le regole sono man mano cambiate, i decreti governativi hanno obbligato a vendere tessere annuali e biglietti attraverso i circuiti elettronici, club e associazioni del tifo organizzato hanno quindi perso quest’importante fonte di reddito, basti pensare che proprio il Collettivo, circa due anni fa, ha dovuto rinunciare per mancanza di fondi, alla sede sociale in zona stadio. La tessera del tifoso. Ruolo tutt’altro che marginale ha avuto l’introduzione della tessera del tifoso che non ha solo reso più difficile l’accesso allo stadio, ma ha anche spinto una fetta consistente dei tifosi organizzati alla ribellione civile e al rifiuto della tessera stessa. Le ali estreme delle tifoserie si sono saldate nel movimento “antitessera”, vissuta come una indebita schedatura. «C’è senz’altro anche la tessera tra i motivi del nostro scioglimento - ammette ancora Sartoni - le restrizioni sono troppe, come quelle di usare i tamburi e i fumogeni, il calcio vive una fase di grande cambiamento». Che succede domani? Sul piano dell’ordine pubblico resta la domanda su cosa succederà nel recupero con l’Inter. Il Cav ha ritirato lo striscione e idealmente abbandonato quindi il centro della Fiesole. Difficile tuttavia che i suoi ex soci, o almeno una parte di essi, rinuncino al posto che occupano da anni. I gruppi del cosiddetto “Parterre” premono per salire le scalette ed occupare il prestigioso “centro” del semicerchio di spalti. La tensione tra le due anime del tifo viola cova da tempo, complici anche due trasmissioni radiofoniche che si sono fatte da polemico contraltare per diversi mesi. Le forze dell’ordine temono diverbi e scontri.

La Lettera di Pietro Vuturo

Poche ma sentite parole, delle quali mi assumo la responsabilità in prima persona, liberando chi gentilmente ospita queste righe. E' assolutamente pazzesco, leggere un articolo come quello apparso oggi sul Tirreno, che parla della Curva Fiesole e dei presunti scenari futuri. Falso, inutile, strumentale. Nell'articolo del Tirreno, anche pubblicato da qualche sito, si trovano una serie di fantasiose opinioni, di apocalittici scenari futuri della Curva, dando in maniera falsa e distorta la colpa delle "presunte tensioni" in Curva Fiesole, anche a due trasmissioni radiofoniche, una delle quali mi vede co-conduttore . Niente di più insulso, falso, strumentale. Serve a creare inutili tensioni e si mette in mezzo la polizia che secondo il giornalista, è in stato di allerta. Per quanto mi riguarda si è toccato il fondo, credo che la stampa abbia precisi doveri, primo fra tutto quello di accertarsi della verità e di dare un informazione corretta, citando quando si fanno certe affermazioni la fonte. Sarebbe da uomini adesso scusarsi o far capire a chi legge che era solo un parto di fantasia. Se in quelle righe chi ha scritto avesse avuto la benché minima intenzione di informare non lo ha fatto, se invece avesse voluto creare tensioni ha fallito due volte, perché se lo levi dalla testa, quello che a me interessa solamente è fare il tifo, divertirmi, stare insieme con gli amici, amare la Fiorentina. Poi inoltre stimo, rispetto, onoro la storia TRENTENNALE di Curva Fiesole di Stefano e del CAV, il resto sono chiacchiere che non mi riguardano, sono molto sereno su questo. Invito caldamente l'articolista ad astenersi inoltre in futuro dal scrivere articoli che in qualche modo possano ricondurre al sottoscritto, perché lo dico per l'ultima volta firmo sempre in prima persona tutto ciò che dico. Il resto son chiacchiere da bar dei più infimi, per quanto mi riguarda. Ora veramente basta.

Pietro Vuturo

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]