firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Dopo la dura condanna di Meneghin

Pallacanestro, le scuse di Lucca per l'aggressione arbitrale

Il Presidente Cattani si difende:"I nostri tesserati hanno difeso gli arbitri"
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Dopo l'aggressione subita dagli arbitri domenica sera al termine dell'incontro fra Arca Impresa Lucca e Claag Firenze, e la dura condanna del Presidente Federale Dino Meneghin, arriva la presa di posizione di Lucca che tramite il suo presidente, l'avvocato Cattani, ha inviato una lunga lettera di scuse alle massime autorità della Pallacanestro. Di seguito riportiamo la lettera della Pallacanestro Lucca i cui destinatari sono il Presidente Federale, Dino Meneghin, il Segretario generale, Maurizio Bertea, il Presidente CIA, Tiziano Zancanella, il Presidente Lnp, Roberto Drocchi, il Presidente del comitato Regionale Toscana, Gabriele Grandini. "È con vivo rammarico che, nella mia qualità di Presidente della Pallacanestro Lucca s.s.d.r.l., iscritta al Campionato di seri B Dilettanti, girone “A”, mi trovo a scrivere queste righe. Quanto successo domenica sera al termine della partita contro la CLAAG Firenze, infatti, è difficilmente commentabile da parte di chi, come me e gli altri membri della società che mi onoro di presiedere, amano il Basket e la pallacanestro in particolare. Tutti gli episodi di violenza devono infatti essere condannati a prescindere, senza “se” e senza “ma” e questo noi abbiamo sempre fatto e continueremo a fare. Uno degli aspetti maggiormente curati dalla nostro società, d’altronde, è proprio la formazione degli OLTRE 300 RAGAZZI che formano il nostro settore giovanile suddivisi tra Centro minibasket e Pallacanestro Lucca che, prima ancora dell’aspetto tecnico, vengono educati al rispetto degli arbitri e degli avversari. Proprio per questo quanto accaduto domenica ci lascia sbigottiti e demoralizzati, convinti come siamo che un simile spettacolo non si sarebbe mai dovuto verificare; su questo siamo tetragoni e lo sosterremo sino in fondo cercando di individuare i responsabili dell’accaduto! Quanto sopra doverosamente premesso, è altrettanto vero tuttavia, che proprio la nostra forza, la nostra storia, siamo una società nata 42 anni fa e che da quasi 20 gioca nella lega di serie “B”, e la notoria civiltà che contraddistingue la nostra città, deve consentire un esame sereno e veritiero dei fatti verificatisi ieri sera ed invero e occorre rilevare che la Pallacanestro Lucca ha garantito in tutti i modi possibili la tranquillità e l’incolumità dei Direttori di gara, dopo aver verificato che fin dall’inizio del terzo quarto si era creata una situazione di forte tensione nel pubblico, che protestava in modo acceso e continuativo nei confronti degli arbitri, contestandone il metro di giudizio. Quanto sopra è particolarmente importante, in quanto alcuni nostri tesserati sono stati raggiunti a loro volta da colpi e spintoni proprio perché proteggevano i suddetti due arbitri nel momento della loro uscita dal campo di gioco. Mi auguro che ciò sia stato DOVEROSAMENTE ANNOTATO sul referto, in quanto, senza voler escludere la responsabilità oggettiva per l’accaduto, DEVE, e ripeto DEVE, essere messo in evidenza che la Pallacanestro Lucca, nelle persone dei suoi tesserati, ha cercato in tutti i modi di proteggere gli arbitri e, anche a scapito della propria, di garantirne la sicurezza. Le considerazioni che precedono, ovviamente, non possono in alcun modo giustificare i gravi fatti di domenica, di cui siamo tutti costernati e dei quali CI SCUSIAMO, con tutti, e in primo luogo con i direttori di gara, per non essere riusciti a garantire la loro completa incolumità. Oggi è senz’altro facile attaccare la Pallacanestro Lucca e la sua dirigenza in molti casi anche con facile e sterile moralismo, e noi non ci sottrarremo a tutte le critiche che ci verranno mosse, anche se alcune cose dette e scritte sui vari siti, uno fra tutti, quello della Claag Firenze che ci accusa di essere stata costretta a riparare negli spogliatoi per fuggire alle ire del pubblico, non sono assolutamente accadute. Per questo chiediamo che Federazione, organi di stampa ed appassionati, usino il giusto equilibrio nel valutare i fatti di domenica, tenendo conto che un minuto di follia, non puo’ distruggere, né cancellare 40 anni di storia." Pallacanestro Lucca Il Presidente Avv.Paolo Cattani

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]