firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
da domani alle 22.40

Al via ‘Figli delle stelle’ il nuovo programma di Rtv38 firmato dal regista Michele Coppini

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

‘Figli delle stelle… con l’arte di arrangiarsi’. E’ questo il titolo del nuovo programma tv del regista e attore fiorentino Michele Coppini, che partirà lunedì 2 luglio su RTV38 (ore 22,40) e andrà in onda per tutta l’estate.

 

Una trasmissione nuova, giovanile e piena di risorse, risorse umane, in questo caso artisti, che sognano di far diventare la loro passione il proprio mestiere, ma che per il momento sono costretti ad arrivare a fine mese, o meglio ad arrangiarsi come emerge dal titolo, con un altro lavoro.

 

E proprio così nasce il titolo, come spiega il regista Coppini, perché “ogni artista, a suo modo, è un sognatore. E cosa c’è di meglio di poter sperare di diventare una stella?”.

 

Il programma è suddiviso in dieci puntate di circa 24 minuti l’una. In ogni puntata Coppini incontra un artista che racconta il suo percorso di vita, tra sogni e realtà.

 

Una sorta di reality in cui il protagonista della puntata descrive il suo lavoro, i suoi hobby, i suoi sogni e quindi la sua vera passione, ma soprattutto come riesce a far convivere, in una sorta di simbiosi, gli impegni e i sacrifici della sua vita normale con quelli di artista.

I mattatori di queste puntate sono i comici Massimiliano Galligani, Stefano Martinelli e Ciccio Toccafondi, i cantanti Marco Lena in arte “Blebla”, Irene Colzani in arte “Neena” e il trio de Le Soprano (Elisa Bartalini, Lucia D’Errico e Silvia Giannini), lo youtuber Marco Burberi, gli attori Daniele Favilli e Francesca Chiari e la scrittrice Silena Santoni.

La trasmissione andrà in onda tutti i lunedì, fino al 3 settembre, alle ore 22,40 (in replica tutti i venerdì a partire dal 6 luglio alle ore 0.15).

Figli delle Stelle, il nuovo programma di Michele Coppini

"Inizialmente volevo realizzare un film - dichiara il regista Michele Coppini -. La televisione, infatti, per me è un mezzo di comunicazione nuovo. Ma purtroppo per realizzare un film servono molti, troppi soldi. Poi, quasi all’improvviso, mi si è presentata quest'occasione con RTV38 e l'ho presa al volo".

 

"Per me la cosa importante era non prendermi troppo sul serio e provare a trasferire la comicità dei miei film in tv - spiega il regista - Ho avuto piena libertà per la realizzazione del programma e un grande appoggio da parte di tutto lo staff dell'emittente televisiva. La mia idea era già chiara dall'inizio: dare visibilità a tutti quegli artisti toscani che stanno lavorando nel mondo dello spettacolo, anche a livello nazionale, ma che momentaneamente, per arrivare a fine mese, devono tenersi stretto un secondo lavoro "normale"".

 

"Quindi, con la ormai solida collaborazione del mio amico e coautore Massimiliano Manna, mi sono messo alla ricerca di artisti validi nel loro settore, che avessero però la forza di reggere la scena davanti a una telecamera, senza un copione, passando con loro mezza giornata, suddivisa tra i propri sogni e la realtà di un lavoro quotidiano. Naturalmente una cosa va precisata - conclude Coppini - io non giro la Toscana per scovare talenti, perché questi artisti hanno già un loro pubblico. Solo, come ho già detto, non riescono ancora a rendere la loro passione, il loro lavoro".

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]