firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Cerreto guidi

Donna stuprata da 3 malviventi, indagini a ritmo serrato. Si cerca un dna

Verranno svolte analisi su indumenti intimi e auto del fidanzato
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Vanno avanti a ritmo serrato le indagini sull'episodio della violenza sessuale subita da una donna di 32 anni nella notte tra domenica e lunedì nelle campagne di Cerreto Guidi (Firenze) a opera di tre malviventi, che hanno chiuso il fidanzato nel bagagliaio dell'auto, l'hanno stuprata e poi sono scapapti con il veicolo, liberando i due in località Poggio Tempesti. I due sono stati anche derubati dei soldi e dei telefonini. Il sostituto procuratore Massimo Bonfiglio, che coordina le indagini, ha disposto nuovi accertamenti. In particolare, gli inquirenti, dopo aver sequestrato l'auto del giovane, hanno acquisito gli indumenti intimi che la donna, vittima dello stupro, indossava al momento dell'assalto dei tre banditi, armati con due pistole: l'obiettivo è quello di trovare eventuali tracce di Dna utili a risalire agli aggressori. I carabinieri di Empoli e del reparto operativo di Firenze stanno anche cercando di ricostruire il tragitto che i tre malviventi hanno fatto alla guida dell'auto, tenendo i due giovani a testa in giù per non far loro riconoscere la strada. Durante il tragitto i tre hanno fatto una sosta in un distributore di benzina, che è stato riconosciuto dalle vittime, ma sfortunatamente l'area di servizio aveva l'impianto di sorveglianza fuori uso quella notte. Gli investigatori stanno tenendo sotto controllo anche i due cellulari rubati dai banditi ai ragazzi, nella speranza di poterli localizzare. 

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]