firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Il pessimismo emerge dal bilancio ACF

Nuovo stadio Fiorentina: il progetto entro maggio è l'ennesimo miraggio

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Nell'interminabile gestazione che dovrebbe portare alla consegna al Comune di Firenze, da parte di ACF Fiorentina, di tutta la documentazione che compone il progetto definitivo del nuovo stadio e cittadella viola, il mese di maggio sembrava quello giusto affinché la Società gigliata rispettasse tutti gli adempimenti, ma potrebbe esserci l'ennesima fumata nera.

 

Da settimane Palazzo Vecchio, sia per bocca del Sindaco Dario Nardella parlando con la stampa, sia in occasione del consiglio comunale rispondendo a domande formali dei consiglieri, ha indicato come maggio il mese entro il quale l'Amministrazione, a seguito di una comunicazione ufficiale da parte di ACF Fiorentina, sarebbe venuta in possesso dell'intero progetto definitivo. In particolare l'Assessore all'Urbanistica Giovanni Bettarini, rispondendo in consiglio a Tommaso Grassi (capogruppo di Firenze Riparte a Sinistra) ha fatto riferimento ad una lettera di ACF inviata al Comune lo scorso 28 dicembre 2018: “La ACF Fiorentina ha comunicato per scritto che fornirà le integrazioni (al progetto definitivo, ndr) ed ha quindi confermato l'interesse alla realizzazione del progetto stadio – dichiarò l'Assessore Bettarini in consiglio comunale lo scorso 8 aprile –. La nostra Amministrazione ad oggi non ha approvato alcun atto che definisca una proroga del pubblico interesse sul progetto (fissato al 31-12-2018, ndr), in attesa delle integrazioni che la Fiorentina ha dichiarato di poter fornire nel mese di maggio”.

 

A sollevare i dubbi sul rispetto dei tempi ci pensa il documento ufficiale della Società viola, pubblicato da una manciata di giorni, riguardo al bilancio di esercizio 2018.

Nella relazione al bilancio 2018, la Fiorentina dedica un lungo capitolo al “Progetto nuovo stadio”, dove fa riferimento alla formale comunicazione col Comune di Firenze. Se da un lato nella relazione si ribadisce che “nei 6 mesi successivi alla definizione della variante urbanistica per la ricollocazione della struttura mercatale si sarebbe proceduto a completare il progetto definitivo”; più avanti, in riferimento alla lettera del 28/12, si sottolinea che “è stato richiesto al Comune di comunicare in modo ufficiale i tempi di disponibilità dell'intera area destinata ad ospitare il nuovo stadio di Fiorentina, anche al fine di poter predisporre un cronoprogramma delle operazioni da compiere completo ed affidabile. Infine, è stato richiesto di confermare il pubblico interesse per tutto il tempo necessario ad attuare l'iniziativa al fine di poter completare il progetto”.

 

Nel novembre 2018 la variante al Piano Urbanistico Esecutivo di Castello è stata definitivamente approvata, ed ecco che a maggio 2019 sarebbero trascorsi i sei mesi ai quali fa riferimento l'epistola ACF.

 

Tutto a posto? Per niente. Perché nella lettera del 28/12 la ACF fa una richiesta al Comune che Palazzo Vecchio non può essere in grado di soddisfare. La Fiorentina pretenderebbe di essere informata “in modo ufficiale” riguardo i tempi di disponibilità dell'intera area destinata ad ospitare il nuovo stadio.

 

La Mercafir, per fare spazio allo stadio, va spostata. Sulla carta (con l'approvazione definitiva della varante urbanistica) il Comune gli ha trovato casa ricollocandola nei terreni di Castello, ma quest'ultimi ancora non sono nelle disponibilità di Palazzo Vecchio. La richiesta ACF dei tempi di disponibilità è impossibile da accogliere. Sarebbe come pretendere di sapere quando fissare un trasloco della mobilia di un appartamento prima che si sia sottoscritto un contratto di acquisto o di locazione di una nuova casa.

 

Ecco perché il prossimo maggio, vista la richiesta dei tempi di disponibilità non dichiarata, potrebbe segnare l'ennesimo nulla di fatto e a questo punto, con le elezioni Amministrative incombenti, la questione probabilmente riguarderà la maggioranza che sarà decretata dalle urne.

 

A fine maggio terminerà anche il Campionato, ma già oggi il fallimento sportivo della stagione è certificato dalla matematica. Se la ACF presentasse il progetto definitivo completo della cittadella viola potrebbe dimostrare con un atto tangibile di guardare al futuro. Un altro rinvio, inevitabilmente, alimenterebbe ancor più la diffidenza di una larga parte dei tifosi nei confronti della proprietà.

 

 

Donato Mongatti

Manda i tuoi comunicati stampa a: redazione[email protected]