firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Arte

Musei, oltre 3500 Firenze Card vendute in due mesi

Acquistate prevalentemente online, se ne vendono circa 60 al giorno
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Buone le vendite per la Firenze card. A due mesi dall’attivazione, il 25 marzo scorso, sono state vendute 3538 card che consentono di visitare fino a 33 musei cittadini, tra cui Palazzo Vecchio, Uffizi, Galleria dell’Accademia, e di viaggiare gratuitamente sui trasporti pubblici fiorentini per 72 ore al prezzo di 50 euro. La previsione è di superare le 20mila nell’anno per un fatturato di oltre un milione di euro. In media vengono vendute circa 60 card al giorno. Di queste, circa un quarto sono vendute on line a cittadini di tutto il mondo, principalmente Stati Uniti, Francia, Spagna, Inghilterra e Germania. Le vendite dirette avvengono per un altro 25% alla biglietteria di Palazzo Vecchio, a quella degli Uffizi (10%) e all’Apt di via Cavour (11%). In totale, le card vendute hanno consentito 20.500 ingressi nei musei cittadini. E se ad essere più gettonati sono i musei più ‘grandi’ (oltre 2700 visite agli Uffizi, 2600 a Pitti, 2500 all’Accademia, 2400 a Palazzo Vecchio), la card evidenzia un particolare profilo di turista che non segue soltanto i circuiti tradizionali ma è interessato anche a ulteriori realtà cosiddette ‘minori’ (dalla Cappella Brancacci all’Opificio delle Pietre dure, dal museo di Palazzo Davanzati alla Fondazione Romano in Santo Spirito), mostrandosi un valido traino per una migliore distribuzione del pubblico. Palazzo Vecchio ha invitato altri musei ad aderire, dal Duomo a Santa Croce, dai musei universitari a Casa Buonarroti al museo Horne.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]