firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Danni causati dal riscaldamento climatico

Emergenza apicoltura, domani incontro Regione Toscana - Associazioni

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

La Toscana si conferma regione ad alta vocazione per l'apicoltura, infatti sulla base delle dati dell'anagrafe apistica nazionale (Banca Dati Apistica nazionale, istituita e gestita dal Ministero della Salute), risultano, dal censimento 2018, 11.309 apiari aperti con 93.397 alveari, mentre gli apicoltori registrati all'anagrafe apistica, nella regione, ammontano complessivamente a 5.317. La Toscana risulta a livello nazionale la 5ª regione per numero di apiari e la 4ª regione per numero di apicoltori registrati in banca dati apistica.

Il recente andamento climatico sta però colpendo pesantemente l'apicoltura e la produzione di miele. La siccità del mese di marzo prima e le piogge accompagnate da vento e da sbalzi termini notevoli dei mesi di aprile e maggio stanno compromettendo la sopravvivenza degli alveari in quanto sono venute a mancare molte fioriture, tra cui quelle di acacia in pianura e collina, e le api non riescono a trovar nettare sufficiente. Le associazioni apistiche valutano a livello nazionale la perdita delle produzioni di miele primaverili tra il 50 e il 70%.

Questa situazione, come rappresentato in una nota all'assessore regionale all'agricoltura dalle associazioni apistiche maggiormente rappresentative della Toscana, comporta inoltre continui e costosi interventi degli apicoltori per nutrire artificialmente gli alveari e poter quantomeno salvare parte degli stessi; inoltre alla mancata produzione di miele si aggiunge per gli allevatori di api regine una riduzione delle percentuali di fecondazione che risultano inferiori al 20% (i valori normali e accettabili sono in genere superiori all'80%).

Il comparto dell'apicoltura chiudeva il 2018 con un andamento produttivo soddisfacente dopo la crisi del 2017; sulla base dei dati delle rese produttive e del numero di alveari in Banca Dati Apistica nazionale, l'Osservatorio nazionale del miele ha stimato la produzione nazionale del 2018 in circa 22.000 tonnellate, quindi un'annata produttiva complessivamente accettabile anche se con forti disomogeneità a livello territoriale; per la Toscana la produzione 2018 è stata stimata in circa 3.000 tonnellate.

 

 

I problemi che stanno vivendo il settore dell'apicoltura toscana e la filiera del miele a seguito del recente andamento climatico saranno al centro del tavolo, convocato per domani, sabato 25 maggio, a Palazzo Strozzi Sacrati dal presidente della Regione e dall'assessore all'agricoltura. Attorno al tavolo, oltre al presidente e all'assessore e ai tecnici della Regione, siederanno le associazioni degli apicoltori toscani AAPT, Toscanamiele APA e ARPAT.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]