firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Ecco il masterplan degli spazi culturali cittadini

Social housing in Santa Maria Novella e in San Firenze la Fondazione Bocelli - Video

‘Nuovo’ gabinetto Vieusseux
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Sei contenitori che verranno ridisegnati con un preciso fine politico: fare sempre più di Firenze una città viva che combatte il turismo mordi e fuggi e che mette la cultura al centro del suo agire.

Si tratta di Santa Maria Novella dove troverà spazio il ‘nuovo’ gabinetto Vieusseux e il social housing; il complesso di San Firenze dove troverà casa la Fondazione Bocelli; Palazzo Strozzi e museo Novecento che verranno ampliati, mentre sono previste nuove funzioni per il teatro dell’Oriuolo e per Palazzo Corsini Suarez in via Maggio.

Tutte le novità del masterplan degli spazi culturali del centro storico sono state annunciate dal sindaco Dario Nardella in una conferenza stampa.

 

“Vogliamo riorganizzare – ha sottolineato il sindaco – i principali contenitori culturali del centro storico per avere una Firenze viva e non musealizzata, vittima del mordi e fuggi, dando a ogni luogo una precisa anima. Vogliamo un centro storico sempre più vivo e identitario, degno di una capitale di una cultura che non significa mera conservazione del passato ma un grande strumento di rivitalizzazione dei quartieri e di crescita, attrazione e formazione per le giovani generazioni”.

 

Uno degli interventi più significativi riguarda il complesso di Santa Maria Novella, di cui il Comune è tornato in possesso nel dicembre del 2016 e ha già visto l’ampliamento del museo: qui troverà posto il Gabinetto Vieusseux, che lascerà sia la sede di Palazzo Strozzi (liberando così spazi per la Fondazione e dedicando ancora di più il palazzo alle grandi mostre) sia l’archivio di Palazzo Corsini Suarez di via Maggio, dove si libereranno locali per attività istituzionali del Comune.

A Santa Maria Novella il nuovo Vieusseux occuperà oltre 3000 metri quadrati mentre 4000 saranno dedicati al progetto di housing sociale, ovvero appartamenti a canone calmierato assegnabili tramite bando soprattutto a giovani coppie e famiglie in difficoltà economica. “Un modo – ha chiarito il sindaco – per riportare in centro la residenza, un po’ sulla falsariga di quanto fatto in questi anni nell’ex carcere delle Murate”. Un’altra parte del complesso sarà dedicata, tramite bando di valorizzazione, ad attività formative e legate all’innovazione.

 

Anche l’ex tribunale di San Firenze sarà riorganizzato: oltre alla Fondazione Zeffirelli, vi troverà ‘casa’ anche la Fondazione di Andrea Bocelli mentre per l’ultimo piano sarà fatto un bando per la concessione degli spazi per progetti di sviluppo delle arti performative. “San Firenze – ha detto Nardella – diventerà un vero e proprio Palazzo delle arti e dello spettacolo. La Fondazione Bocelli attiverà un progetto culturale per la città legato ovviamente alla musica e si occuperà, in cambio della concessione gratuita degli spazi, della manutenzione ordinaria e straordinaria”.

 

Il museo Novecento, ospitato nel complesso delle ex Leopoldine di Santa Maria Novella, diventerà più grande: sarà infatti avviata nei prossimi giorni un’indagine conoscitiva per individuare potenziali immobili limitrofi adatti ad estendere gli spazi espositivi (ex cinema Ariston, ma anche altri immobili priivati, ndr).

 

Infine l’ex teatro dell’Oriuolo, nell’omonima via e nel palazzo che ospita l’archivio storico del Comune: qui nascerà un nuovo teatro delle arti visive. In totale il masterplan comprende 16 mila metri quadrati di aree dedicate alla cultura.

 

Di seguito il video con le slide illustrtive del piano

 

 

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]