firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Corte di Appello di Firenze

Strage di Viareggio: Moretti condannato a 7 anni. Pene per altri 15 imputati

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Mauro Moretti, come ex amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, è stato condannato a 7 anni dalla Corte di Appello di Firenze, per la strage di Viareggio, costata la vita a 32 persone, il 29 giugno 2009.

L'Appello conferma nei suoi confronti la condanna di primo grado. Oltre a Moretti, sono state condannati altri 15 imputati.

 

Condannati anche Michele Mario Elia (ex ad di Rfi) e Vincenzo Soprano (ex ad Trenitalia) a 6 anni, per accuse, a vario titolo, di omicidio plurimo colposo e disastro ferroviario. Il tribunale di Lucca li aveva tutti condannati il 31 gennaio 2017.

 

Assolto Giulio Margarita (ex dirigente della direzione tecnica di Rfi e oggi dirigente di Ansf, l'Agenzia nazionale per la sicurezza ferroviaria) che in primo grado era stato condannato 6 anni e sei mesi. Il Pg aveva chiesto 12 anni e sei mesi. Per i giudici "il fatto non sussiste".

 

Dopo la pronuncia della Corte di Appello i parenti delle vittime hanno strinto le mani al pm e mostrato le foto dei familiari deceduti, che avevano portato in aula.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]