firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Padiglione 12

Careggi allagato dopo l'acquazzone notturno

Mugnai (Pdl): «Ogni acquazzone un disagio. A rischio anche l’ecografo»
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Il nuovo acquazzone della notte scorsa ha provocato un nuovo allagamento nei corridoi di Careggi. E’ accaduto al padiglione 12, pronto soccorso, nei corridoi adiacenti alla stanza diagnostica dell’ecografia. Ne dà notizia il Vicepresidente della Commissione Sanità Stefano Mugnai (Pdl), a cui l’ennesimo impaludamento del policlinico fiorentino è stato segnalato con tanto di foto (in allegato al comunicato, ndr).

«E’ impensabile – attacca Mugnai insieme ai Consiglieri regionali Nicola Nascosti e Tommaso Villa – che un’area delicata e sensibile come quella del pronto soccorso debba finire sott’acqua a ogni temporale. Si tratta dei corridoi, certo, ma sono quegli stessi corridoi che gli operatori percorrono rapidamente più e più volte, gli stessi che devono ospitare pazienti barellati e non. Non solo: il fatto che il muro esterno dal quale ogni volta penetra acqua sia quello che delimita anche la stanza diagnostica dell’ecografia mette a repentaglio il buon funzionamento di quei macchinari delicatissimi. Il tutto, visto il perdurare di questo stato di cose, nell’indifferenza di chi potrebbe e dovrebbe intervenire sulle strutture per evitare pericoli e disagi. Cosa si aspetta?"
Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]