firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
La doppia agenda del governatore

Foibe: Nel giorno del Ricordo il presidente della Toscana Rossi comizia insieme a Sofri

Donzelli, Nascosti ed Eleuteri (Pdl): "Provocazione inaccettabile"
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

E' polemica a Firenze per il doppio impegno in agenda del presidente della Toscana, Enrico Rossi, nel giorno del ricordo dei Martiri delle Foibe. Il 10 febbraio, dopo la celebrazione solenne della ricorrenza in Consiglio regionale, nel pomeriggio Rossi

incontrerà per un comizio sul rapporto tra i giovani e il mondo del lavoro l'ex leader di Lotta Continua Adriano Sofri a Tavarnelle. Probabile anche la presenza del segretario della Cgil, Susanna Camusso. "Conosciamo Rossi come uomo troppo attento per considerare questa coincidenza uno scivolone, temiamo sia una vera e propria provocazione. Una inaccetabile provocazione, -denunciano i Consiglieri regionali Giovanni Donzelli e Nicola Nascosti insieme al consigliere comunale di Tavarnelle Gabriele Eleuteri.- "Un rappresentante delle Istituzioni - proseguono gli esponenti del Pdl - non dovrebbe mai erigere a modello e legittimare con la propria presenza e autorevolezza un uomo che per la giustizia è colpevole di aver ordinato un omicidio. La coincidenza del giorno è raccapricciante. Sofri e i titini hanno ucciso perchè offuscati dalla stessa barbara ideologia: il comunismo. Non ha senso la mattina presenziare al Consiglio Regionale solenne in ricordo delle vittime e il pomeriggio comiziare con chi ha causato un'altra vittima in nome della stessa ideologia. Scopo ufficiale del comizio - dicono ancora - dovrebbe essere quello di parlare di lavoro, giovani e futuro. Che ruolo ha, oltre quello di mandante dell'omocidio Clabresi, Sofri per comiziare insieme al presidente della nostra regione e al leader nazionale della Cgil? Sofri non si è mai scusato per l'odio seminato negli anni settanta da Lotta Continua e per l'omicido Calabresi. Non può essere un esempio per nessuno, a prescindere dalle opinabili capacità di opinionista dei suoi corsivi. Chiediamo a Rossi - concludono Donzelli, Nascosti ed Eleuteri, di prendere le distanze dalla violenza con cui Sofri ha praticato la propria attività politica annullando l'incontro di Tavarnelle. Il messaggio ai giovani sarebbe altrimenti devastante per il futuro"

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]