firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Maxi Operazione Mobile

Camorra, sequestrati 9 milioni di euro 7 arresti 31 indagati

I finanzieri del Gruppo di Formia hanno accertato 20 milioni di euro d'invasione fiscale
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Questa mattina si è conclusa la maxi operazione condotta dalla squadra mobile di Filippo Ferri, che ha portato allo smantellamento di una pericolosa organizzazione criminale di stampo camorristico.

Sequestrati beni per 9 milioni di euro, 31 gli indagati, 7 misure di custodia cautelare emesse dal gip Angelo Pezzuti su richiesta del pm Pietro Suchan.

Le indagini dirette dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Firenze hanno fatto luce su una ben radicata associazione per delinquere principalmente dedita all’acquisizione di società in crisi operanti nelle province di Firenze, Pisa e Prato. Due delle imprese sottoposte a sequestro sono il Gruppo Tesile Flowers di Montemurlo e Italian Class di Castel Fiorentino. All’operazione hanno collaborato anche i finanzieri del Gruppo di Formia, le fiamme gialle hanno accertato 20 milioni di euro d'invasione fiscale.

Tutto ha inizio nell'ottobre del 2009 a seguito della testimonianza del titolare della ditta di Castelfiorentino, che denunciò alla polizia un colpo d'arma da fuoco esploso sulla portiera della sua auto. Durante la deposizione emerse che l'uomo d'affari alcuni mesi prima aveva accettato l'aiuto finanziario di un imprenditore campano, uno dei principali indagati nell'inchiesta.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]