firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Centrosinistra

Dario Nardella: "il Poderaccio verrà smantellato, sulla ztl non si torna indietro"

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Dario Nardella, oltre ad essere l'attuale primocittadino, è il candidato sindaco del centrosinistra. Queste le sue dieci risposte. 

 

1) Ci sono alcune zone, come ad esempio il Parco delle Cascine o la Fortezza da Basso, via Palazzuolo, la mensa universitaria di Sant'Apollonia o le periferie settentrionali dove gli spacciatori regnano quasi indisturbati. Cosa pensate di fare per arginare il problema?

La sicurezza pubblica e la repressione-prevenzione dei reati, tra cui ovviamente anche lo spaccio, per legge spetta alle forze dell’ordine che sono già molto impegnate su questo tema. Alle Cascine e alla Fortezza da Basso polizia di Stato e carabinieri hanno fatto un lavoro straordinario, supportati anche dalla polizia municipale, con risultati evidenti. Ovviamente è necessario continuare l’azione di presidio e monitoraggio e anche per questo ricordo continuamente al ministro Salvini la promessa di inviare 250 agenti.

 

Nel frattempo comunque come amministrazione non ci voltiamo dall’altra parte. La polizia municipale che è presente in strada lavora per il rispetto delle regole e per la sicurezza urbana in città. In questi anni abbiamo ampliato gli organici, costituito la squadra antidroga che utilizza anche i cani, caso rarissimo per una polizia municipale, e che collabora con le forze dell’ordine.

 

Da non dimenticare poi il ruolo del “vigile di quartiere” come presidio del territorio e punto di riferimento per i cittadini in particolar modo nelle zone meno centrali. L’impegno è rafforzare ancora di più la presenza dei vigili in città: vogliamo creare una rete tale da garantire per ciascun cittadino una pattuglia a 10 minuti a piedi.

 

2) Tramvia, siete favorevoli o contrari alla linea 3.2? Il nuovo ponte non rischia di aumentare il traffico in via Minghetti? Se contrari qual è, nello specifico (e senza giri di parole) la vostra alternativa?

Assolutamente favorevoli al completamento delle linee tranviarie, è una priorità della prossima legislatura. Tra queste anche la linea 3.2 per Bagno a Ripoli che contribuirà a ridurre ulteriormente i veicoli in circolazione e a migliorare la qualità dell’aria oltre a rendere più capillare ed efficiente la rete di trasporti pubblici. Stiamo già studiando con la Soprintendenza soluzioni per salvaguardare gli alberi, cantieri a impatto minimo e il sottoattraversamento per i veicoli in piazza Beccaria e piazza della Libertà.

 

Il nuovo ponte sull’Arno tra via di Villamagna e lungarno Colombo è una infrastruttura fondamentale e complementare alla realizzazione della nuova tramvia, che porterà un miglioramento del traffico sul lungarno, permettendo di diversificare i flussi dei veicoli senza aumentare il traffico su via Minghetti. Il ponte consentirà inoltre la realizzazione di una pista ciclabile.

 

Infine la questione del presunto aumento del traffico, gli studi sui flussi effettuati e relativi al tratto di lungarno compreso tra via Minghetti e via De Sanctis (ovvero tra i due ponti) evidenziano come a fronte dei passaggi attuali di circa 1.300 veicoli all’ora negli orari di punta si passerà a 1.100 veicoli nello stesso orario, quindi con una riduzione della circolazione.

 

3) Affitti turistici di alloggi privati. Va tutto bene o servono regole e tasse diverse? Credo sia necessario prevedere regole più stringenti. Un’idea è quella di porre un tetto agli affitti temporanei turistici, un limite alle notti prenotabili insomma, come già avviene ad esempio in città come Parigi. Per ottenere norme chiare e omogenee è importante fare squadra a livello europeo e per questo ho lanciato l’idea di un patto di collaborazione con Atene e Barcellona.

 

4) Il Cpa di Gavinana si trova in un palazzo occupato abusivamente. Va sgomberato o no? Stessa domanda per il campo rom del Poderaccio. Noi siamo sempre per la legalità e questo vale anche per Il Cpa di Gavinana, che però non si può affrontare semplicemente con uno sgombero perché tocca anche tematiche di ordine pubblico, che sono all’attenzione delle autorità. Il piano di smantellamento del Poderaccio è già in corso. Abbiamo un progetto altamente qualificante per ridare nuova vita all’area, con la creazione di un grande parco a tema, il parco Florentia, un’area verde di oltre 30 ettari lungo l’Arno.

 

5) Ztl in centro: va bene così, va resa h24 tutto l'anno, va tolta, va ristudiata? La Ztl rappresenta uno strumento efficace per ridurre il traffico in centro. Non vogliamo tornare indietro. E’ già aperto un tavolo di confronto con residenti e commercianti per studiare eventuali migliorie.

 

6) Moschea di piazza dei Ciompi. Che fare per far convivere serenamente residenti e comunità islamica? Intanto una buona notizia è stata l’individuazione di uno spazio idoneo a Sesto Fiorentino, è stato importante ragionare in un’ottica metropolitana per dare una prima risposta concreta a una comunità presente su tutta l’area fiorentina. Riteniamo sia fondamentale che la comunità islamica abbia un centro di preghiera adeguato, cosa che non è piazza dei Ciompi. Con loro, come con tutte le comunità religiose in città, abbiamo un dialogo costante e proficuo; aspettiamo le loro proposte e insieme lavoreremo per trovare una soluzione.

 

7) 25 aprile: è la festa della Liberazione dell'Italia o solo una manifestazione ideologica cara alla sinistra? La Liberazione è di tutti, finiamola con mistificazioni strumentali e pericolose. Non festeggiare il 25 aprile significa non riconoscere la nostra storia e i nostri valori fondanti. Il volto del partigiano Pillo sul murales che abbiamo da poco inaugurato ci deve sempre ricordare chi siamo e da dove veniamo: solo con la memoria del passato possiamo costruire il futuro.

 

8) Zona Fiera: La Fortezza da Basso, location incantevole, è ancora oggi il luogo ideale per certe manifestazioni? O serve un nuovo polo fieristico in zone meno centrali della città? Firenze è un unicum nazionale e non solo per la scelta di mantenere nel centro della città il proprio polo fieristico ed espositivo che non vive della sola Fortezza da Basso ma, anzi, la mette in collegamento con gli altri poli in un sistema articolato e complementare di alta qualità e grande originalità.

 

I prossimi cinque anni saranno decisivi per l’ulteriore sviluppo e il consolidamento di questo polo diffuso grazie alla riqualificazione della Fortezza, un progetto da 140 milioni di euro, di cui il Comune di Firenze è co-finanziatore, e alla messa in rete di altri spazi importanti tra cui la Leopolda e il Teatro del Maggio fiorentino.

 

9) Tassa sui rifiuti: oggi si paga sulla base del numero di residenti e sulle dimensioni dell'alloggio. Non sarebbe più giusto rimodularla in base al rispetto della raccolta differenziata? Più si è rispettosi, meno si paga e, ovviamente, viceversa. Abbiamo intenzione di introdurre la tariffazione puntuale (PAYT - Pay As You Throw “paga per quello che butti”) e ancora la tariffazione incentivante alle raccolte differenziate, in modo che i cittadini paghino proprio in base alla quantità e alla qualità dei rifiuti prodotti. Un sistema che consente anche di promuovere sempre la differenziata ma anche riuso e riciclaggio. Anche così ci avviciniamo a quella “svolta circolare” che tanto è necessaria per tutelare l’ambiente.

 

10) Aeroporto e stadio. Chimere, utopie, opere indispensabili o cattedrali nel deserto? Sono entrambe opere importanti. Per l’aeroporto siamo giunti a un punto cruciale con il via libera al masterplan. Regione e Comune hanno fatto la loro parte per arrivare a questa svolta, ora la palla è in mano al Governo e non tollereremo tentennamenti. Per quanto riguarda il nuovo stadio ho sempre sostenuto che sarà vantaggioso sia per la Fiorentina che per la città intera.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]