firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Inchiesta parcheggiatori abusivi

Lega: “In Commissione ci aspettavamo le dimissioni di presidente e direttore di SaS”

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

“In Commissione controllo ci aspettavamo di ricevere le dimissioni del presidente di Sas Stefano Agresti e del direttore generale Cristiano Rebecchi. Dimissioni che non sono arrivate.

Sono persone inadeguate – attacca il vice presidente del Consiglio comunale Emanuele Cocollini a nome di tutto il gruppo della Lega Salvini Firenze – perché nel corso dell'audizione hanno detto che non si sono accorti di nulla! Nel peggiore dei casi fanno parte anche loro di quel sistema e che attiene all'enorme questione morale sulla quale non si vuol fare luce.

Anche il sindaco ha provato a chiedere le dimissioni di presidente e direttore generale, senza riuscirci. Anche oggi ribadiamo – continua Emanuele Cocollini a nome della Lega – la medesima richiesta: si dimetta il sindaco!

E' sempre più evidente che coloro che operavano all’interno della SaS e attorno ad essa, si sono vantati di aver fatto favori, usando riguardi o togliendo multe, a persone del partito del sindaco. Qualcuno faceva questo servizio e per gli operatori della SaS esistevano due categorie di cittadini: quelli iscritti al PD, che andavano trattati con i guanti, e tutti gli altri che potevano essere tranquillamente raggirati, minacciati, taglieggiati e derubati”.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]