firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
estorsione

Sesso dopo chat incontri ma coppia lo ricatta e si fa dare 15mila euro. Fidanzati 'perversi' in manette

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Hanno raggirato un uomo conosciuto su una chat di incontri e gli hanno estorto 15mila euro, per questo motivo una coppia di giovani fidanzati è stata arrestata dai carabinieri con l'accusa di estorsione continuata in concorso.

 

Ai domiciliari sono finiti la ragazza, 21enne italiana, e il fidanzato 24enne italiano. Lui è stato catturato a Firenze, mentre la ragazza è stata rintracciata al porto di Ancona mentre sbarcava da un traghetto proveniente da Valona (Albania). La misura è stata emessa dal gip di Siena Ilaria Cornetti su richiesta del pm Siro De Flammineis.

 

Le indagini hanno appurato che l'uomo aveva conosciuto la ragazza su un sito d'incontri e dopo contatti telefonici i due hanno avuto un rapporto sessuale consenziente, ma pochi giorni dopo il fidanzato della ragazza, d'accordo con lei, si è finto il fratello ed ha intrapreso una sistematica opera di intimidazione nei confronti dell'uomo.

 

La vittima, residente in provincia di Siena, è stato definito 'pedofilo' e gli è stato fatto credere che la giovane fosse minorenne, con la conseguenza di azioni legal, oltre che a minacciarlo di morte se solo il padre della ragazza avesse potuto rintracciarlo.

 

Inoltre, secondo i carabinieri, il finto fratello, faceva credere all'uomo che dopo quel rapporto sessuale, 'sua sorella' aveva avuto problemi psichiatrici e che la famiglia si era rivolta ad un avvocato per intentare una causa per abuso sessuale.

 

Insulti e minacce avvenivano tramite telefonate e comunicazioni whatsapp ed hanno indotto l'uomo, dalla fine del 2018, a versare a più riprese oltre 15mila euro sul conto della ragazza. Stamani l'arresto. 

 

 

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]