firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Dalla toscana

A casa anziché al lavoro. Guardia medica sospesa dal servizio

Fra i pazienti annotava le baby sitter dei figli (ignara di tutto)
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Avrebbe falsificato i registri di presenza per figurare al lavoro quando invece sarebbe stato a casa, oltre a utilizzare l'auto di servizio per scopi privati. È l'accusa contestata a una guardia medica di San Vincenzo (Livorno), 52 anni, destinataria di una misura cautelare, disposta dalla magistratura livornese, di sospensione dall' esercizio di pubblico servizio. L'ordinanza è stata notificata stamani dai carabinieri del Nas di Livorno, incaricati delle indagini coordinate dal pm Fiorenza Marrara. Secondo quanto emerso dall'inchiesta, da circa 3 anni il medico avrebbe «disatteso - è scritto in una nota dell'Arma - al compimento della sua delicata funzione, ponendo gravemente a rischio, come peraltro sottolineato nel provvedimento cautelare, la salute dei cittadini». Il servizio di guardia medica è previsto per le ore notturne e nei giorni festivi. I militari, con appostamenti, avrebbero verificato che la guardia medica più volte sarebbe andata ad aprire il presidio, avrebbe atteso per circa mezz'ora o poco più per poi tornare a casa, limitandosi a lasciare affisso sulla porta un cartello con un numero di reperibilità, neanche sempre garantita, visto che alcuni pazienti, secondo i carabinieri, esasperati dalle attese erano stati costretti a rivolgersi a strutture sanitarie di Comuni vicini, compreso l'ospedale di Piombino. Tra i nomi inseriti sui registri di presenza sui quali il medico elencava alcune visite in realtà mai effettuate si ripeteva peraltro quello della baby sitter dei figli, all'oscuro di tutto. Il medico inoltre avrebbe anche utilizzato l'auto dell'Asl, anzichè la propria, per tornare a casa durante l'orario di lavoro. Le ipotesi di reato contestate sono truffa, peculato e falso. Gli atti delle indagini saranno trasmessi anche alla procura presso la Corte dei Conti della Toscana per quantificare il presunto danno erariale.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]