firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
45°alluvione

Consiglio straordinario in Santa Croce; la De Zordo: "Non ci sarò"

“Celebrazione che stona con la mancata messa in sicurezza del territorio”
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Domani 4 novembre ricorre il 45°anniversario dell'alluvione che travolse Firenze nel '66. Il Consiglio Comunale ha deciso di riunirsi domani in una seduta strordinaria nel cenacolo di Santa Croce per celebrare la ricorrenza.  La consigliera Ornella de Zordo (Puc) invece, fa saper che lei non ci sarà: "E' senz'altro importante ricordare quello che avvenne 45 anni fa, con l'alluvione e la straordinaria opera di riscatto e rinascita della città, della popolazione e di tanti/e volontari/e. Il rischio però che dal ricordo si cada nella celebrazione retorica e nell'autoreferenzialità è alto". Tra gli ospiti l'arcivescovo Betori, Marco Cellai e Erasmo D'Angelis come rappresentanti degli 'angeli del fango'. La motivazione addotta dalla consigliera prende le mosse dai recenti avvenimenti che hanno colpito la Toscana dopo l'ultima, e non ancora terminata, ondata di maltempo. Dunque una cerimonia poco più che "mediatica" secondo la De Zordo per la quale "ben poco è stato fatto per affrontare in modo risolutivo il rischio alluvionale per l'Arno, e per la messa in sicurezza del territorio in generale. Anzi, proprio in questi giorni siamo davanti all'ennesimo evento luttuoso dovuto sì all'eccezionalità delle precipitazioni, ma sicuramente anche molto al dissesto del territorio". Infine la consigliera Ornella De Zordo punta il dito contro le 'grandi opere' che rispetto alle messa in sicurezza del territorio sarebbero meno urgenti e sicuramente molto più costose. "Nonostante tutto, anche da parte di molti che ricorderanno in Santa Croce l'alluvione del '66, si continuano a ritenere prioritarie "grandi opere" che tali non sono se non per il giro finanziario che generano a favore di pochi: colpisce che già nel 1999 l'allora segretario generale dell'autorità di bacino Nardi avesse previsto interventi strutturali per il Piano di bacino dell'Arno per una cifra pari a oltre 1 miliardo e mezzo di euro, cioè quanto si presume ottimisticamente di spendere per il tunnel TAV di Firenze. E oggi apprendiamo addirittura che le poche risorse messe a disposizione sono ferme in un cassetto per inciampi burocratici.

Allora - conclude la De Zordo -  preferisco non partecipare a una celebrazione che rischia di esaltare principi che non vengono coerentemente applicati e di celebrare eventi del passato di cui non sono stati messi in pratica gli insegnamenti”.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]