firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Teatro

ESILI: L’essenza dell’essere lucano, in prima regionale venerdì 2 marzo al Teatro delle Arti

Un omaggio alla Basilicata, con il suo patrimonio e la sua cultura, questo il motivo principale dello spettacolo
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

“Esili” nasce dall'esigenza di raccontare l’essenza dell’essere lucano e il vivere la propria terra come condizione di abbandono e di esilio ma anche di coraggio, forza e bellezza. È infatti proprio la Basilicata, con il suo patrimonio e la sua cultura, la materia prima su cui si fonda questo spettacolo.

 

Venerdì 2 marzo al Teatro delle Arti di Lastra a Signa in prima regionale, due facce della stessa medaglia, una Lucania vissuta da Carlo Levi durante il confino e magistralmente descritta in “Cristo si è fermato a Eboli”. La Lucania che molti hanno dovuto abbandonare in cerca di lavoro. Due verità su una terra che vive tuttora, in silenzio, la leggerezza delle sue epoche storiche e che il Balletto Lucano affronta nello spettacolo “Esili”.

 

Da qui il duplice significato della parola esili o esìli: celebrazione dell’isolamento che trae forza dalla leggerezza mentale, permettendo creativamente di ottenere forza e superare i limiti.

 

Dal vagare indefinito dell'esule alla festosa danza popolare, dagli oscuri riti delle "masciare" a quello inesorabile del matrimonio, tutto diventa una forza creativa capace di superare qualsiasi limite.

Un progetto di ascolto e comprensione della nostra terra, che utilizza il corpo come mezzo di connessione tra la natura che ci circonda, il rumore del suo silenzio e le emozioni che suggerisce, divenendo così acqua, vento, sole, terra, campi, mani, sudore, silenzio, esilio.

 

 

Coreografie di Loredana Calabrese. Con Antonio Polito, Luana Filardi, Alexandr Vacca, Pasquale de Giacomo, Lucia Bruno, Andrea Modarelli, Agnese Trippa.

 

Spettacolo nell’ambito della rassegna Resi_Dance a cura della Compagnia Simona Bucci.
Prevendite presso la biglietteria del teatro – orari: martedì 10-13, mercoledì e venerdì 17-20 – nei punti vendita del circuito BoxOffice e online su
www.boxol.it.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]