firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Social network

Facebook: ancora problemi per la tutela della privacy

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Facebook aveva promesso un approccio rinnovato ai controlli della privacy ma purtroppo per gli utenti, i problemi restano sempre gli stessi: il tag selvaggio non può essere inibito in alcun modo.

Sebbene gli sviluppatori del social network si impegnino a variare e potenziare le possibilità di tenere d’occhio come il proprio nome venga utilizzato, sembra non esserci alcuna speranza.

L’update dovrebbe fare in modo che l’utente abbia facoltà di approvare un tag prima che appaia sul network. Purtroppo, però, che si ignori questa facoltà o si rigetti il tag, il post e il tag appariranno comunque sul Wall del nostro amico e come al solito saremo costretti a rimuovere manualmente il nostro coinvolgimento.

Peggio ancora: si può selezionare da un po’ di tempo chi vede e chi non vede un post. Chi non lo vede non saprà neppure di essere stato taggato. Si tratta di un controllo sulla privacy migliorato rispetto al passato, certo, ed ora è possibile postare contenuti senza che siano visti da capi o genitori, ma non è corretto avere la capacità di taggare gli “esclusi” a loro insaputa. Ultima pessima notizia: la capacità di taggare qualcuno su uno status di Facebook Places , come se fosse stato presente da qualche parte in cui di fatto non c’era.

Sono forse piccole cose, almeno per la stragrande maggioranza delle persone, ma è proprio su questo genere di sciocchezze che si possono creare grossi incidenti diplomatici.

 

 

fonte: jacktech.it

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]