firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
nostra inchiesta esclusiva 2016

VIDEO - Ex ippodromo Mulina, corte d'Appello ordina processo per turbativa. Nei guai Fani, Cortini e Zheng

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Colpo di scena nella vicenda dell'ippodromo Le Mulina, al parco delle Cascine, al centro di una nostra inchiesta giornalistica del 2016. Infatti, ci sarà un processo per turbativa in relazione alla gara di appalto di assegnazione della gestione dell'ex ippodromo a privati da parte del Comune di Firenze.

 

Lo ha deciso la Corte d'Appello di Firenze che ha cancellato il proscioglimento deciso dal gup Alessandro Moneti nel dicembre 2017 e ha fissato l'inizio del processo di primo grado davanti al tribunale di Firenze con prima udienza il prossimo 8 luglio.

 

Davanti ai giudici sfileranno gli imprenditori Oliviero Fani, 60 anni di Scandicci (Firenze), Massimo Cortini, 55 anni di Firenze, e Guo Sheng Zheng, 36 anni, originario di Zhejiang (Cina) ma residente a Campi Bisenzio (nelle foto).

 

Il pm Christine von Borries, titolare dell'inchiesta, aveva chiesto il rinvio a giudizio per i tre imprenditori ma il 19 dicembre 2017 il gup Moneti li prosciolse con sentenza di non luogo a procedere.

 

Il pm fece ricorso alla corte di appello per "contraddittorietà, illogicità, carenza della motivazione e errata interpretazione della legge penale" da parte del giudice e ora la corte ha stabilito che vi sia un processo ordinario.

 

GUARDA LA NOSTRA INCHIESTA DEL 2016

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]