firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
sviluppi

Inchiesta stupro, chiesta "audizione protetta" per ragazze Usa. La Procura chiede Dna e ascolta coinquiline

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Vuole il massimo delle garanzie per la sua assistita l'avvocato Gabriele Zanobini, legale di una delle due studentesse americane, la 21enne originaria del New Jersey. Il legale ha chiesto che l'incidente probatorio, chiesto dalla Procura di Firenze al gip del tribunale, si svolga secondo le modalità "dell'audizione protetta'', così come accade quando vengono ascoltati i minori nei processi. La data potrebbe essere fissata entro pochi giorni. 

 

E' possibile chiederlo anche per gli adulti data la vulnerabilità della persona, che si valuta in base al tipo di reato, e qui c'è stata una violenza sessuale, e alle conseguenze psicologiche" ha spiegato Zanobini. L'audizione protetta avviene con il giudice che sente la persona offesa dietro una parete di vetro dove ci sono solo loro due e l'interprete.

 

Intanto dopo aver chiesto l'incidente probatorio, la Procura ha disposto l'esame dei Dna, sui reperti biologici prelevati nel palazzo di Borgo Santi Apostoli dove è avvenuto il presunto stupro che vede i due carabinieri indagati. L'esame è stato chiesto al giudice delle indagini preliminari e si dovrà svolgere con incidente probatorio.

 

La ricerca del Dna servirà a stabilire con certezza le persone presenti nei luoghi dove sono avvenuti i rapporti sessuali, anche per cercare di avere una dinamica più chiaro da confrontare con le deposizioni dei due carabinieri e delle studentesse.

 

Nel pomeriggio, a Palazzo di Giustizia sono state interrogate le due coinquiline delle ragazze che hanno riferito dei momenti successivi al loro rientro in appartamento e le fasi in cui è partito l'allarme per i soccorsi. 

 

CLICCA SULLA FOTO E LEGGI L'APPROFONDIMENTO 

Image and video hosting by TinyPic

  •  
Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]