firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Libera in festa

Giancarlo Caselli e 'L'innocenza di Giulio. Andreotti non è stato assolto'

Stasera alla Fortezza da Basso lo spettacolo teatrale scritto dal magistrato con Giulio Cavalli e Carlo Lucarelli
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Alle 22.30 sul Palco Puccini,  della Fortezza da Basso, nel corso della festa nazionale dell'associazione Libera contro la mafia, andrà in scena lo spettacolo teatrale “L’innocenza di Giulio - Andreotti non è stato assolto” di Giulio Cavalli, Gian Carlo Caselli e Carlo Lucarelli per le musiche di Cisco. A seguire il dibattito con Gian Carlo Caselli, il procuratore Capo della Repubblica di Torino che visse dal '93 al '99 Palermo in prima persona, da Procuratore della Repubblica, ottenendo importantissimi risultati nella lotta alla mafia come l'arresto di boss del calibro di Leoluca Bagarella, Gaspare Spatuzza e Giovanni Brusca. 

 

Cinque praticabili, cinque diversi “spazi” ed uno schermo per dare vita attraverso il racconto e alcune immagini alle tante parti del puzzle che compongono la storia. In una scena nuda ed essenziale, dove il “posto d’onore” al centro del palco spetta ad un inginocchiatoio su cui è poggiato un impermeabile, prende forma una figura, quella di Giulio Andreotti. 
 
 
Andreotti è l'icona di un "martirio giudiziario" con oscuri fini politici che ce lo raccontano assolto. Nella sentenza si legge: «Quindi la sentenza impugnata, al di là delle sue affermazioni teoriche, ha ravvisato la partecipazione nel reato associativo non nei termini riduttivi di una mera disponibilità, ma in quelli più ampi e giuridicamente significativi di una concreta collaborazione». Se la sentenza definitiva fosse arrivata entro il 20 dicembre 2002 (termine per la prescrizione), Andreotti avrebbe potuto essere condannato in base all'articolo 416. La storia, comunque, dice che Andreotti si è seduto al tavolo della Mafia. E come, dove, con chi e "presumibilmente perché”,  va raccontato. La collaborazione drammaturgica di Giancarlo Caselli e Carlo Lucarelli permettono a Cavalli di offrire un quadro emblematico e inquietante della realtà italiana. Alla fine, al pubblico verrà concesso un piccolo bis, in cui dimostra come l’infiltrazione e la corruzione della malavita organizzata all’interno della politica degli anni Ottanta ha degli aspetti identici a quelli di oggi.Uno spettacolo da non perdere.
 
Nella foto, la locandina dello spettacolo
Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]