firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Statistiche

Inflazione, aumentano i prezzi anche a marzo

Crescono carburanti, prodotti alimentari e spese per la casa
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Aumenta ancora l’inflazione a Firenze nel mese di marzo: la variazione mensile è +0,3% (a febbraio era +0,1%), la variazione annuale è +2,1% (a febbraio era 2,2%). Lo dicono i dati dell'Ufficio comunale di Statistica, con le rilevazioni effettuate come sempre dal primo al 21 del mese su oltre 900 punti vendita anche fuori dal territorio comunale (grande distribuzione e negozi tradizionali) per complessivi 11mila prezzi di oltre 900 prodotti. Gli aumenti sono provocati dai prezzi dei trasporti (+1,5%), dei generi alimentari (+0,2%), delle spese per casa, acqua, energia e combustibili (+0,3%) e per quelle dei servizi sanitari e per la salute (+0,5%). Aumenti solo in parte compensati dalle variazioni negative registrate nei capitoli ricreazione, spettacoli e cultura (-0,8%) e comunicazioni (-0,1%). L’incremento del prezzo dei trasporti è causato degli aumenti dei carburanti e lubrificanti, saliti a marzo del +3,1% rispetto a febbraio 2011 e del +14,9% rispetto a marzo 2010. La variazione mensile per prodotti alimentari è causata dagli aumenti di pane e cereali (+0,6%) e acque minerali, bevande analcoliche e succhi di frutta (+1,6%). In diminuzione i vegetali (-0,8%). La variazione annuale passa da +0,9% di febbraio a +1,1%. Si segnalano inoltre in aumento gli affitti reali per l’abitazione principale (+0,8%) e il gasolio per riscaldamento (+2,6%). Risultano di rilievo anche le variazioni dei servizi ospedalieri (+2,1%), delle assicurazioni sui mezzi di trasporto (+0,7%), di ristoranti, bar e simili (+0,2%) e dei servizi di alloggio (+0,3%). "Anche Firenze risente di quanto accade nel resto del paese - afferma il vicesindaco Dario Nardella - I dati nazionali infatti ci dicono che nel mese di marzo i prezzi sono cresciuti dello 0,4% sul mese precedente e del 2,5% su base annuale, con l'aumento tendenziale più alto dal novembre 2008. Una situazione causata soprattutto dalla cresciuta d benzina e carburanti". I beni, che pesano nel paniere per circa il 56%, hanno fatto registrare a marzo 2011 una variazione di +2,1%. I servizi, che pesano per il restante 44%, hanno fatto registrare una variazione annuale pari a +2,2%. Scomponendo la macrocategoria dei beni, si trova che i prodotti alimentari non lavorati (per esempio ortaggi, frutta, pesci e carne) registrano un aumento pari a +3,4% rispetto a marzo 2010 mentre gli alimentari lavorati (tra cui pane, bevande, scatolame e formaggi) hanno una variazione negativa pari a -0,4%. I beni energetici non regolamentati, come i carburanti, registrano una variazione annua rispetto a marzo 2010 di +14,8% mentre quella dei beni energetici regolamentati (fra cui energia elettrica e gas metano) è pari a +2,3%. La variazione annuale di prezzo dei beni durevoli (tra cui elettrodomestici e automobili) è +0,3%, inferiore a quella dei beni non durevoli (tra cui medicinali, saponi e detersivi) che è +0,8%; la variazione annuale dei beni semidurevoli (fra cui abbigliamento e libri) è +0,7%. Tra i servizi è più elevata la variazione annuale, pari a +3,4%, dei servizi regolamentati (fra cui i concorsi pronostici, il pedaggio autostradale e i trasporti ferroviari) rispetto a quella dei servizi non regolamentati (fra cui il pasto al ristorante, gli alberghi e gli affitti delle abitazioni), che è +2,1%.

 

Ecco i prezzi medi, in euro, di alcuni prodotti

Pane 2,04 al kg Carne fresca di vitello 1° taglio 18,20 al kg Petto di pollo 8,85 al kg Prosciutto crudo 24,82 al kg Olio extravergine di oliva 5,30 al litro Latte fresco 1,42 al litro Patate 0,93 al kg Pomodoro ciliegino rosso 3,58 al kg Mele golden 1,36 al kg Insalata 1,92 al kg Cozze 2,45 al kg Pasta di semola di grano duro 1,65 al kg Parmigiano reggiano 17,63 al kg Detersivo per lavatrice 3,62 al litro Riparazione auto – equilibratura gomme 34,98  Carrozziere – sostituzione e verniciatura portiera 1.337,52  Rossetto 13,52  Dopobarba 7,87  Rosa 3,93  Benzina fai da te 1,489 al litro Gasolio fai da te 1,388 al litro Camera d’albergo 4-5 stelle 206,05  Camera d’albergo 3 stelle 81,66  Camera d’albergo 1-2 stelle 61,37  Pasto al ristorante 28,03  Pasto al fast food 7,86  Pasto in pizzeria (margherita + coperto + bibita) 9,33  Caffè espresso al bar 0,95

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]