firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Il Caso

Eredità Fallaci, il legale della sorella: "Dubbi sull'autenticità della firma"

Dopo l'esposto della sorella della scrittrice
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

   L'analisi di un esperto «ha fatto emergere seri dubbi circa l'autenticità» della firma di Oriana Fallaci in calce al proprio testamento. Su questo si basa l'esposto presentato in procura a Firenze dalla sorella della giornalista e scrittrice, Paola, contro il figlio, Edoardo Perazzi, erede universale della zia. «Ci siamo rivolti a un esperto - spiega uno dei legali di Paola, l'avvocato Mario Taddeucci Sassolini - e abbiamo preso atto delle conclusioni della sua analisi. Così, abbiamo ritenuto doveroso rivolgerci alla magistratura».   Riferendosi ai dubbi sulle condizioni psicofisiche di Oriana Fallaci «nelle settimane che ebbero a precedere il suo decesso», gli avvocati ricordano che proprio in quel periodo «si colloca la redazione del testamento di cui si discute». Paola e Antonio, sottolineano gli avvocati, hanno mantenuto «assoluta riservatezza» sull'esposto. È quindi «inspiegabile, e comunque a costoro non riferibile, la diffusione della notizia». «I signori Paola Fallaci e Antonio Perazzi - conclude la nota - in questo momento non intendono addebitare a chicchessia condotte che sono ancora oggetto di indagine ed attendono i risultati del lavoro del magistrato. Non intendono, in ogni caso, ora e per il futuro, essere destinatari di insinuazioni e commenti poco commendevoli, che lasciano trasparire una insospettabile e poco comprensibile 'reattivita» sull'argomento da parte di chi si è sentito chiamato in causa«. 

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]