firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
carabinieri

'Spaccate' in sale slot e negozi, arrestata banda di rapinatori

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Operazione, ieri sera, dei carabinieri di Firenze che hanno smantellato una banda di rapinatori di sale slot, concessionarie di auto e negozi tra Toscana, Umbria ed Emilia Romagna.

 

Cinque persone, tra i 19 e i 35 anni, di nazionalità romena, sono state arrestate e altre 9 risultano indagate dal sostituto procuratore della Procura di Firenze Vito Bertoni con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata a furti e rapine. I fermati sono residenti tra Firenze, Calcinaia (Pisa) e Montecatini (Pistoia).

 

Secondo quanto appreso da ilsitodiFirenze.it si tratterebbe di un sodalizio criminale che ha compiuto varie rapine da febbraio a oggi. In particolare, gli investigatori, ritengono la banda responsabile di vari colpi in sale slot ed esercizi commerciali.

 

Tra gli episodi contestati, il furto di numerose auto in una concessionaria a Firenze, la rapina in una sala slot di Campi Bisenzio, quella nel centro commerciale Obi a Sesto Fiorentino, e i furti in un negozio di una catena di elettrodomestici a Lamporecchio 

 

I rapinatori avrebbero agito seguendo sempre lo stesso metodo di azione, con un sistema collaudato per effettuare i loro colpi. La banda prima di ogni rapina o furto avrebbe sempre utilizzato auto rubate da usare per le loro spaccate.

 

Gli ingenti bottini sarebbero stati poi “sistematicamente riciclati all’estero, grazie al contributo di soggetti stranieri” ancora da identificare.

 

Secondo gli inquirenti la banda agiva sempre a volto coperto, utilizzando guanti, corpi contundenti e una pistola per minacciare le eventuali vittime. Gli autori dei colpi variavano da tre a sei persone.

 

Tutti i colpi, scrivono gli investigatori, “appaiono contrassegnati da una concatenazione cronologica” che ha consentito ai militari dell’Arma di tracciare i movimenti del gruppo.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]