firenze
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
La decisione del Comune

Via metà delle bancarelle dal centro

La reazione indignata dell'opposizione
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

"Oggi abbiamo avuto un confronto serrato ma rispettoso con gli ambulanti - scrive il vicesindaco Dario Nardella sulla sua bacheca a fine serata, dopo l'incontro di ieri pomeriggio con i sindacati e  le associazioni di categoria - abbiamo detto loro che ci vuole un atto coraggioso per riqualificare i nostri mercati turistici, contro la rendita e per tutelare i nostri beni culturali. Abbiamo 529 bancarelle turistiche in centro storico. Per questo dovranno diminuire e migliorare in qualità. Cosa ne dite?".
Più che di una diminuzione si tratta di un taglio netto, da 529 licenze attuali  ne resteranno solo 282, in pratica la metà. E come era stato più volte annunciato il più 'riformato' sarà il mercato di San Lorenzo, 80 le bancarelle in meno, che non verranno traslocate come si era pensato, ma definitivamnete eliminate, 152 quelle che resteranno. Il Porcellino e e i Ciompi invece non subiranno modificazioni per via di "un impatto estetico minore".  Il Vicesindaco ha poi palesato la volontà da parte dell'amministrazione di non rinnovare le licenze che scadranno a dicembre " visto che - dice Nardella - la legge regionale prevede il tacito rinnovo delle licenze dopo 10 anni e noi non abbiamo, appunto intenzione di rinnovarle" Il senso dell'operazione è quello di provvedere a una riassegnazione dando la priorità "ai giovani imprenditori e gli anziani che hanno dimostrato di essere regolari". "Non vogliamo mandare a casa la gente — ribadisce il vicesindaco — noi poniamo problemi di riqualificazione e decongestionamento, anche se è una brutta parola, delle bancarelle". Ma l'opposizione parte all'attacco e giudica tale decisione "allucinante", funesta conseguenza della calura di questi giorni. "Restiamo letteralmente allibiti dai contenuti presentati ieri alle categorie economiche dal vicesindaco Nardella in merito al riordino delle licenze di ambulante - dicono i consiglieri Stefano Alessandri e Marco Stella del Pdl - Il taglio drastico delle licenze non ha niente a che vedere né con il decoro né tantomeno con la riqualificazione del centro storico. Si tratta semplicemente di un provvedimento di licenziamento per 247 persone che tra pochi mesi non saranno più in grado di sostenere economicamente la propria famiglia". E "Quello che più colpisce - continuano i consigleiri -  è il freddo cinismo e la spietatezza mostrata dal centro sinistra cittadino nel tagliare i posti di lavoro. Ma che razza di Amministrazione è questa, che si permette liberamente di condannare 247 famiglie? Non si vergognano neanche un po' quei soloni del Partito Democratico, sempre pronti a scagliarsi contro i tagli del governo in difesa dei lavoratori? E dove sono finiti i professionisti del sindacalismo militante, presenti in ogni manifestazione per difendere l’occupazione e combattere il precariato?". L'invettiva prosegue più aspa che mai, poi l'analisi: "Il commercio su area pubblica, nel territorio toscano e fiorentino, è un fenomeno importante, la nostra regione conta oltre 12mila aziende sia a "posteggio fisso" che "itinerante" delle quali quasi 4mila si trovano sul territorio fiorentino". Quindi "Compito dell’Amministrazione dovrebbe essere quello di tutelare i posti di lavoro degli operatori mettendo in campo politiche a sostegno, non punitive. Il filo conduttore della linea amministrativa della città dovrebbe essere la promozione e la valorizzazione delle attività commerciali su suolo pubblico come elemento di rivitalizzazione dei centri urbani, di crescita economica del territorio e luoghi di socializzazione e supporto per le categorie deboli". Anzi "il Comune, insieme alle associazioni di categoria e agli operatori, dovrebbe elaborare interventi di marketing per la promozione dei mercati nel centro storico in modo da favorire il turismo.
Prima di punire chi opera in maniera corretta, come gli ambulanti, questa amministrazione pensi piuttosto a liberare Firenze dai venditori abusivi che portano degrado e danneggiano le nostre attività commerciali: questa giunta, nonostante i proclami, non ha ancora fatto assolutamente niente". 

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]