Biglietti digitali Firenze: la soluzione per abbattere le code

Biglietti digitali Firenze. Come ben sappiamo, Firenze è la città simbolo del Rinascimento per eccellenza. In essa sono preservati alcuni dei più grandi capolavori d’arte provenienti da tutto il mondo. Non è per niente raro, quindi che Firenze sia sempre inondata da turisti che vogliono scoprire di più sul famoso capoluogo toscano e cimentarsi tra le inestimabili ricchezze di cui è caratterizzato.

Tra le tantissime attrazioni di cui è dotata la città, poniamo particolare attenzione a due luoghi che aumentano la sua unicità: la Galleria degli Uffizi e la Galleria dell’Accademia. Non parliamo di semplici musei, ma di vere e proprie ricchezze inestimabili che attirano l’attenzione di chiunque. Infatti, quando si visita Firenze, è immancabile aggiungere questi due luoghi tra le proprie tappe. Di conseguenza, spesso capita che le file siano interminabili. Dunque, i musei di Firenze pare abbiano trovato una valida soluzione a questo inconveniente. Ecco qualche dettaglio in più su come si accederà alle attrazioni fiorentine:

Biglietti digitali Firenze

Biglietti digitali Firenze: stop alle lunghe file interminabili

Firenze pare sia riuscita a trovare una valida soluzione ad un problema persistente da anni. Da oggi, lunedì 6 maggio 2024, l’accesso alle varie attrazioni fiorentine cambia modalità. Ecco come si effettuerà l’ingresso a partire da oggi:

A partire da oggi, sembra che cambierà l’ingresso a più attrazioni, tra cui: la Galleria degli Uffizi (nota ora come Galleria delle statue e delle pitture degli Uffizi), la Galleria dell’Accademia, Palazzo Pitti e Giardino di Boboli. Da questo lunedì 6 maggio 2024, l’ingresso alle attrazioni pare sia facilitato dall’acquisto del biglietto on line, sia sul sito ufficiale dei musei oppure attraverso un pratico call center.

Stando a quanto detto, a seguito dell’acquisto, il turista riceverà tramite una mail un QR code. Quest’ultimo, in quanto titolo d’accesso all’attrazione, dovrà essere esibito all’ingresso del museo direttamente dal cellulare. Gli operatori all’ingresso dovrebbero poi verificare il codice QR attraverso ausili tecnologici, come le pistole digitali. La finalità di questo cambiamento, sembra sia strettamente correlata alla necessità di mettere fine alle infinite code che si formano davanti ai musei. Il sistema applicato dovrebbe, infatti, limitare le folle e rendere gli ingressi più scorrevoli e veloci.

Stando a quanto riportato da una nota ufficiale sul sito della Galleria degli Uffizi, le prenotazioni effettuate con il sistema precedente, non saranno eliminate. In più, insieme al QR code dovrebbe arrivare anche una mappa completa del museo che si sta per visitare, migliorando la permanenza in esso e la qualità del servizio offerto.

POTREBBE INTERESSARTI